Torna El Niño, in 3 mesi superficie Pacifico più calda

Organizzazione Meteorologica Mondiale, non sarà forte come 2016

Redazione ANSA ROMA

C'è un'elevata probabilità, il 75-80%, che nei prossimi tre mesi torni El Niño, l'aumento delle temperature superficiali dell'Oceano Pacifico che si verifica in genere nei mesi di dicembre, gennaio e febbraio, con una frequenza che può variare tra i due e i sette anni. Lo sostiene una previsione dell'Organizzazione Meteorologica Mondiale (Omm) resa nota oggi, secondo la quale "non si tratterà di un evento forte, come quello del 2015-2016". Gli esperti Omm hanno studiato le temperature superficiali nel Pacifico tropicale, affermando che "le precipitazioni previste nei mesi tra dicembre e febbraio sono compatibili con quelle normalmente associate a El Niño", scrivono nel loro rapporto. El Niño è uno dei fenomeni tropicali periodici alla base del motore climatico della Terra. "Si tratta - spiega l'Omm - di fluttuazioni periodiche delle temperature superficiali nel Pacifico equatoriale, associate a cambiamenti nella circolazione atmosferica". In genere, sottolineano inoltre gli esperti dell'Omm, "porta con sé eventi estremi, come siccità e inondazioni, e ha un effetto pronunciato sull'innalzamento delle temperature in molte parti del Pianeta". Ma in questo caso, secondo l'Omm, l'effetto dovrebbe essere più limitato. Le analisi dei venti e delle temperature superficiali del Pacifico "non riflettono modelli associati di norma a El Niño, ma - aggiungono gli esperti - le cose potrebbero cambiare tra dicembre e febbraio, con una probabilità del 60% che El Niño possa perdurare anche tra febbraio e aprile 2019". Secondo l'Omm, i cambiamenti si tradurranno ad esempio nei prossimi tre mesi in un leggero innalzamento delle temperature superficiali del Pacifico, che dovrebbero essere "di 0,8-1,2 gradi più alte della media. Ma - conclude l'Omm - comunque basse rispetto ad almeno 1,5 gradi in più, necessari per poter parlare di un evento forte".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA