Australia: Turnbull, governo caduto su politica sul clima

Ex premier, nel mio partito visioni contrapposte e ideologiche

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 24 AGO - Il Partito Liberale australiano, che governa insieme ai Nazionalisti, non è in grado di attuare una politica sul cambiamento climatico, e su questa è caduto il governo del premier Malcolm Turnbull. Lo ha detto lo stesso Turnbull in una conferenza stampa dopo le sue dimissioni, come riferisce il sito Business Green.

"Penso che la verità sia che la coalizione trova molto difficile raggiungere un accordo su qualsiasi cosa abbia a che fare con le emissioni - ha detto Turnbull -. Il National Energy Guarantee (l'atto di politica energetica che l'ex premier voleva far passare, n.d.r.) è un pezzo di riforma di vitale importanza".

Gli oppositori di Turnbull nel partito, guidati dall'ex primo ministro, l'arciconservatore Tony Abbott, si sono rifiutati di sostenere una politica energetica che avrebbe posto obiettivi di limitazione delle emissioni di gas serra per il settore energetico.

Turnbull ha detto che l'opposizione all'azione sul cambiamento climatico all'interno del suo partito è "un articolo di fede". "Le questioni sulle emissioni e sulla politica sul clima - ha aggiunto - all'interno della coalizione hanno lo stesso problema: punti di vista aspramente polarizzati, più ideologici che basati sull'ingegneria e l'economia. E' un po' come la questione del matrimonio omosessuale, un problema quasi insolubile".

Il nuovo premier Scott Morrison, dello stesso partito di Turnbull, è considerato un sostenitore del carbone. E' ritenuto però un moderato rispetto a Tony Abbott e a Peter Dutton, il candidato alla guida del partito sconfitto dallo stesso Morrison. Abbott e Dutton vorrebbero portare l'Australia fuori dall'Accordo di Parigi. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: