Les Sables-Azzorre, via a seconda tappa

MINISTI NELLA TORRIDA ESTATE BRETONE

Responsabilità editoriale Saily.it

VIDEO PARTENZA SECONDA TAPPA - Partita la seconda tappa, condizioni leggerissime (perciò più complicate). Gli italiani: tra i Proto Federico Cuciuc (Casa Marzia) ottavo al primo passaggio (non lontano dalla testa) e Domenico Caparotti (Giallona) quindicesimo; tra i Serie Giovanni Mengucci (Alpha Lyrae) è 23°

 

di Christophe Julliand

E' partita ieri lunedi 10 agosto alle ore 15 dopo due richiami generali, la seconda tappa della Les Sables Les Açores, un percorso di 470 miglia tra Les Sables d'Olonne e Roscoff sulla costa Nord della Bretagna. Le prime 24 ore di regata sono state molto simili a quello che hanno incontrato gli 71 skipper ancora in lizza durante la prima frazione. Globalmente poco vento, tanta instabilità e un'evoluzione meteo molto incerta per andare a girare la punta della Bretagna. 

VIDEO PARTENZA SECONDA TAPPA

Alla classifica delle 14, dopo quasi 24 ore di regata, i due primi prototipisti, Tanguy Bouroullec (Cerfrance) e Irina Gracheva (Canopus) hanno percorso soltanto 85 delle 470 miglia del percorso teorico. Dopo aver doppiato l'Isola di Ré la prima notte dopo mezzanotte, già in testa con due miglia di vantaggio sui primi inseguitori, i due leader hanno continuato ad allungare guadagnando verso Ovest e dispongono di tre miglia di vantaggio.

Inizio di seconda tappa difficile per i quattro italiani in regata. Tra i prototipi si difende Federico Cuciuc (Casa Marzia) ottavo al passaggio di Ré dove aveva soltanto tre miglia di ritardo sul primo, al rilevameno delle 14 risulta al nono posto ma con 12 miglia di ritardo sul leader. Domenico Caparotti (Giallona) è 15mo a 16 miglia del leader.

Tra le barche di serie, Giovanni Mengucci (Alpha Lyrae) è 23mo a 11,6 miglia del leader, mentre Luca Del Zozzo (Race=Care) è 45mo a 17 miglia del leader. Sempre nella classifica delle barche di serie è da sottolineare l'otttimo inizio di regata da parte di Quentin Richet e del suo Pogo 3 947 Eliott che riesce a seguire il ritmo dei due primi prototipi e ha già 4 miglia di vantaggio sul gruppo inseguitore.

Cartografia e classifiche qui

Responsabilità editoriale di Saily.it