Percorso:ANSA > Nuova Europa > Cultura e Società > L'inferno nero dei vecchi giacimenti petroliferi albanesi

L'inferno nero dei vecchi giacimenti petroliferi albanesi

Ha portato milioni di dollari ma per i residenti pochi benefici

19 gennaio, 18:06
(ANSA-AFP) - ZHARREZ, 19 GEN - Gli abitanti di Zharrez, nell'Albania centrale, vivono in un paesaggio apocalittico e puzzolente, fatto di pozzi petroliferi che perdono e di serbatoi di stoccaggio arrugginiti, con il suolo annerito dalle fuoriuscite di greggio che si infiltrano nell'acqua.

"Abbiamo tutti problemi di salute", ha detto Milita Vrapi, una dei 2.000 abitanti del villaggio che vivono a stretto contatto con l'industria petrolifera, in gran parte non regolamentata, della nazione balcanica. "L'aria è molto pesante.

Mi sento spesso stordita e nauseata, con mal di testa e stanchezza persistente", ha detto la madre 49enne mentre un impianto sgangherato prendeva vita a soli quattro metri da casa sua. L'acqua non è potabile e le verdure del suo orto non crescono più, ha detto. Pozzi e serbatoi di stoccaggio abbandonati e oleodotti arrugginiti e perdenti sono disseminati nell'area di Patos-Marinza, ricca di petrolio, dove paludi e piccoli laghi di greggio nero segnano il paesaggio. Gran parte delle attrezzature dei campi petroliferi non sono state sottoposte a manutenzione da quasi tre decenni.

- Aria puzzolente - "L'oro nero ha portato milioni di dollari dal sottosuolo, ma i residenti locali non ne hanno quasi beneficiato", ha detto l'abitante del villaggio Marsilin Senka, mentre stringeva il suo bambino di due mesi, affetto da bronchite acuta. L'aria puzza di vecchi pozzi lasciati aperti e di greggio lasciato marcire in cisterne fatiscenti e fosse a cielo aperto. In estate alcuni abitanti dicono che è irrespirabile. Nella sola Zharrez ci sono circa una dozzina di pozzi gestiti dall'Albpetrol, di proprietà dello Stato, la maggior parte dei quali ha mezzo secolo, a pochi passi dalle case. Altri nella zona sono gestiti dal gruppo cinese Bankers Petroleum.

"L'inquinamento non è una priorità per le compagnie petrolifere", ha aggiunto Senka. "Più di 18.000 metri quadrati sono pesantemente inquinati dal greggio perché le infrastrutture sono state lasciate abbandonate per più di 25 anni, con effetti dannosi sull'ambiente e sulla salute degli abitanti", ha detto Qani Rredhi, capo del gruppo ambientalista del villaggio. Anche i gruppi per i diritti umani hanno condannato la situazione, con il Comitato albanese di Helsinki che, nel suo ultimo rapporto, ha affermato che "la vicinanza delle aree residenziali e delle serre ai campi petroliferi e ai vecchi pozzi... e la mancanza di misure di sicurezza e di riabilitazione sono molto preoccupanti".

- Malattie - Gli abitanti del luogo affermano che i campi petroliferi possono essere responsabili di una miriade di problemi di salute che colpiscono i residenti. "Il numero di abitanti che lamentano problemi respiratori, alte concentrazioni di anidride carbonica nel sangue o che soffrono di malattie legate alle attività industriali è molto alto", ha dichiarato Adriatik Golemi, un altro ambientalista locale. Sotto la dittatura comunista di Enver Hoxha alla gente era per lo più impedito di vivere nell'area. Ma dopo la caduta del regime, le autorità hanno tollerato il ritorno di un piccolo numero di residenti impoveriti e di altre persone che si sono stabilite nella zona. I gruppi ambientalisti hanno anche collegato l'inquinamento ai tumori che hanno causato la morte di diversi abitanti della zona. Tuttavia, Fatjon Shehu - il responsabile del centro sanitario del villaggio - ha affermato che è difficile stabilire un collegamento in assenza di studi adeguati, soprattutto con l'aumento delle malattie respiratorie causate dal Covid-19. Oltre ai problemi di salute, la gente del posto lamenta anche il rischio di lesioni o di morte per incidenti legati all'industria.

- Annegamenti - "Tre anni fa, una donna è annegata in un pozzo di petrolio mentre andava a caccia di galline", ha detto Golemi all'AFP, affermando che il villaggio ha almeno cinque aree simili dove il petrolio è immagazzinato in pozzi. Ci sono stati anche "casi di annegamento di bestiame e uccelli nel petrolio", ha aggiunto Redhi, che si è anche lamentato delle "forti esalazioni di gas" che fuoriescono dai pozzi abbandonati.

Nonostante i danni provocati dall'industria petrolifera, l'Albania produce solo 4,6 milioni di barili di greggio all'anno, utilizzati per produrre bitume per le strade.

Tuttavia, l'Albania dispone di grandi riserve, stimate in quasi tre miliardi di barili, anche se deve importare tutta la benzina da quando la sua unica raffineria è stata chiusa nel 2019. Nel frattempo, la Shell ha annunciato una "significativa scoperta di greggio leggero" a Shpirag, nel sud dell'Albania.

Il Ministero dell'Energia del Paese ha dichiarato che le autorità sono determinate a risolvere i problemi ambientali posti dall'industria petrolifera. "Le compagnie che lavorano nei giacimenti petroliferi di Patos-Marinza stanno mettendo in atto piani d'azione per la riabilitazione di tutte le infrastrutture fatiscenti", ha dichiarato all'AFP. Ma la gente del posto vuole agire subito. Artemisa Vrapi, figlia sedicenne di Milita, ha dichiarato che la situazione è inaccettabile.

"Non dovremmo pensare solo all'economia e all'estrazione del petrolio, ma a salvare vite umane, a salvare il nostro ambiente e il nostro pianeta", ha detto Vrapi all'AFP. Nel frattempo, il traballante impianto di perforazione vicino alla loro casa è in panne da una settimana e l'operaio petrolifero Kadri Shahu, 58 anni, sta cercando di ripararlo. Senza i bonus di rendimento, il suo stipendio di 540 euro al mese non è sufficiente a sfamare la sua famiglia di sei persone. bme-ev/ds/fg / (ANSA-AFP).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati