Percorso:ANSA > Mare > Nautica e Sport > Nautica: accordo gruppo Ferretti-Wichai illustrato al Mse

Nautica: accordo gruppo Ferretti-Wichai illustrato al Mse

Presenti ministri Passera e Gnudi

09 febbraio, 10:19
Norberto Ferretti e il  presidente di Weichai Group Tan Xuguang, Norberto Ferretti e il presidente di Weichai Group Tan Xuguang,

(ANSA) - ANCONA, 8 FEB - E' la piu' importante operazione industriale della Cina sul mercato europeo: vale circa 400 milioni di euro, e rafforza la presenza della cantieristica in Italia, sviluppando nuove produzioni a livello internazionale.

E' l'acquisizione del Gruppo Ferretti da parte del Gruppo industriale Weichai, impresa della provincia dello Shandong, leader a livello mondiale nella produzione di motori e autoveicoli pesanti, illustrata oggi in un incontro al ministero dello Sviluppo economico, presenti il ministro Corrado Passera, il presidente del Gruppo Weichai Xuguang Tan, il presidente dell'impresa italiana Norberto Ferretti e l'ad Giancarlo Galeone, il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca e l'ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia Ding Wei.

All'incontro si e' poi unito ministro del Turismo Piero Gnudi, che ha approfondito il progetto della Shig (Shandong Heavy Industry Group)-Weichai sotto il profilo turistico.

Il Gruppo Ferretti ha basi storiche nelle Marche, dove produce mega e maxi yacht (ad Ancona) e yacht coupe' (a Mondolfo). ''L'operazione Weichai - ha sottolineato Spacca - e' il segno concreto delle relazioni ormai consolidate tra Italia e Cina che vedono le Marche in una posizione d'avanguardia.

Relazioni che si concretizzano non solo con gli investimenti delle imprese marchigiane nel Far East, ma anche con investimenti cinesi nel nostro territorio che riguardano l'economia reale e non strategie finanziarie''.

"Per uscire dalla crisi - ha aggiunto Spacca - occorre sviluppare collaborazioni di livello internazionale, perché nessuna economia è al riparo dalle difficoltà: la linea maestra è quella dell'integrazione di progetti di qualità, attraverso solide collaborazioni economiche". Quello che le Marche stanno cercando di fare da anni con diversi Paesi, tra cui proprio la Cina. Il primo accordo di cooperazione con la Cina fu sottoscritto nel 1992, proprio con la provincia dello Shandong. L'incontro è servito per approfondire il progetto del gruppo cinese, che punta ai mercati emergenti del Pacifico e del Sud America. Il presidente Tan ha fornito assicurazioni sul mantenimento sia della produzione e dei livelli occupazionali attuali in Italia e lo sviluppo di ulteriori produzioni in Cina specifiche per il mercato asiatico. Uno dei punti fermi dell'accordo tra Weichai e Ferretti è il mantenimento del brand e della produzione in Italia. Da questo nuovo progetto può nascere nuova occupazione.(ANSA). 

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati