Da Laporta a Colombotto Rosso, a Sutri sognando i Giochi

1/o raduno 2021 professionisti, ci sono anche Manassero e Carta

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - Il primo raduno del 2021 nella Coverciano del green, il Golf Nazionale di Sutri (Viterbo). In un anno fondamentale, dove bisognerà ancora fare i conti con il Covid, in cui spiccano eventi clou come le Olimpiadi di Tokyo, la Solheim e la Ryder Cup. Ma anche un Open d'Italia che a settembre (dal 2 al 5) andrà in scena al Marco Simone Golf & Country Club di Roma, sul campo della Ryder Cup italiana del 2023.
    La Squadra Nazionale Professionisti della Federazione Italiana Golf s'è ritrovata in questi giorni a Sutri (Viterbo) per un commong training di cinque giorni - presenti oltre 20 partecipanti, tra giocatori più esperti e talenti in erba - con obiettivi ben precisi. "Qui ci sentiamo a casa e questa è una stagione importante. Siamo sicuri che arriveranno vittorie e promozioni sui vari circuiti europei e sul PGA Tour con Francesco Molinari. In estate ci saranno le Olimpiadi e sono certo che faremo bella figura con 4 atleti in campo a Tokyo, 2 professionisti nella gara individuale maschile e 2 proette in quella femminile". Il Commissario Tecnico Massimo Scarpa n'è sicuro. Il 2021 per la Squadra Nazionale Professionisti sarà un anno duro, che porterà però grandi soddisfazioni.
    Le Olimpiadi sono l'obiettivo e il sogno di Francesco Laporta e Lucrezia Colombotto Rosso, tra le certezze del green tricolore.
    "Ci penso e farò di tutto - rivela Laporta - per coronare questo desiderio. Ma quest'anno punto a vincere anche una gara sull'European Tour (nel 2019 è stato il re del Challenge Tour, ndr) seppur nel 2021 i primi eventi che ho giocato (Abu Dhabi HSBC e Saudi International, ndr) non sono andati come speravo.
    Sarà bellissimo giocare l'Open d'Italia sul campo della Ryder Cup 2023, così come bello è stato ritrovare e sfidare qui tanti amici e colleghi. Riprenderò a gareggiare sull'Eurotour a marzo (11-14, ndr) in Qatar e darò il massimo".
    "Per me invece - racconta la Colombotto Rosso - la stagione inizierà a maggio sul Ladies European Tour. In programma, Covid permettendo, ci sono tanti tornei. Li affronteremo, come lo scorso anno, in una apposita 'bolla' per contenere al massimo il rischio di contagio da Coronavirus. Spero che il 2021 possa riservarci anche un Open d'Italia femminile prima dei Giochi di Tokyo dove spero davvero di esserci".
    Tra i big a Sutri c'è però anche Matteo Manassero, il più giovane vincitore nella storia dell'European Tour che nel 2020, dopo oltre 7 anni dall'ultima volta, è tornato al successo facendo suo il Toscana Alps Open. "L'exploit sull'Alps Tour - spiega Manassero - è servito a svoltare l'angolo. Ho passato momenti negativi e quello è stato un piccolo ma importante passo. La vittoria, soddisfazione a parte, mi ha fatto acquisire maggiore consapevolezza per continuare con ancora più convinzione quel percorso intrapreso, fatto di sacrifici e allenamenti, volto a tornare su ottimi livelli. Il 2021, così come è stato 2020, sarà pieno d'incertezze a causa dell'emergenza sanitaria. Comincerò l'anno probabilmente alla fine di marzo sull'Alps per poi, da aprile, concentrarmi anche sul Challenge. Il ritmo gara manca molto e penso che giocare con poca continuità sia la cosa più complicata a livello mentale".
    Non solo la Colombotto Rosso. A Sutri c'è pure un altro talento del golf femminile: Virginia Elena Carta. Che dopo anni di traguardi e trionfi a livello dilettantistico si prepara a diventare professionista. Dalla laurea negli Stati Uniti alla Duke Univeristy, dove nel 2016 ha conquistato il titolo individuale nel NCAA Womens Medal Championship, il più importante evento Usa a livello di College (nel 2019 ha vinto con il Team della Duke University anche l'NCAA Division I Women's Golf Championship), passando per un Master in Politica Ambientale in Inghilterra, all'Università di Cambridge. Ora il salto tra le grandi del golf, tra emozione e ambizione. "In questi anni - ammette la Carta - ho raccolto risultati e soddisfazioni di cui vado orgogliosa. Ora mi appresto a passare al professionismo. Ho tanto da imparare e sono davvero felice di essere qui a Sutri dove mi hanno accolta al meglio. Le Olimpiadi (la Carta nel 2014 in Cina e in tandem con Renato Paratore ha conquistato una medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici Giovanili di Nanjing, ndr) sono il desiderio di tutti. Bisogna procedere però step by step e vedere cosa ci riserverà il 2021".
    Sacrifici e allenamenti, tra gioco corto, lungo e tante prove sul campo pratica e sul putting green con uno staff, quello azzurro, all'avanguardia. L'Italgolf, guidata da Franco Chimenti, vicepresidente vicario del Coni, prepara il suo 2021 con l'obiettivo di ben figurare in Europa e nel mondo. E i Giochi Olimpici sono uno sprone e il sogno di molti. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA