La Provincia di Bolzano partecipa al progetto per migliorare le norme europee

Kompatscher (CdR), vanno armonizzate per una buona collaborazione fra Paesi

Redazione ANSA

BOLZANO - La Provincia di Bolzano partecipa assieme ad altre 45 Regioni europee al progetto per migliorare le norme Ue e la loro applicazione a livello locale. "Le direttive di Bruxelles non sempre tengono presenti le esigenze e le situazioni delle amministrazioni locali, delle Regioni, e dei Paesi dell'Unione europea", sottolinea il presidente della Provincia e membro del Comitato Europeo delle Regioni (CdR), Arno Kompatscher.

Per migliorare le norme UE e la loro applicazione a livello locale, dopo una fase pilota biennale valutata positivamente, il Comitato Europeo delle Regioni ha avviato effettivamente il progetto e la rete RegHub 2.0 (Network of Regional Hubs for EU Policy Implementation Review). La durata del progetto, al quale la Provincia di Bolzano ha deciso di aderire, va fino a fine mandato della Commissione europea nel 2024. "Il fatto di essere una regione di confine e la collaborazione in atto nell'Euregio ci rendono consapevoli sempre più dell'importanza di norme armonizzate per una buona collaborazione fra Paesi confinanti", fa presente il governatore altoatesino sottolineando come già durante la fase pilota la Provincia abbia avuto modo di confrontarsi e collaborare con altre 36 Regioni europee.

La rete RegHub 2.0 è composta da funzionari pubblici di enti regionali o locali. "Nell'amministrazione provinciale si occupa del progetto RegHub l'Ufficio Legislativo della Segreteria generale e, in particolare, Veronika Meyer (punto di contatto) e Verena Augschöll", informa il direttore Gabriele Vitella. Le due funzionarie raccoglieranno le informazioni necessarie dalle varie parti interessate a livello locale e prepareranno le risposte per le consultazioni. "Dalla partecipazione a RegHub 2.0 ci attendiamo un migliore coinvolgimento nel processo legislativo dell'UE nella fase iniziale e uno scambio interregionale sull'attuazione e lo sviluppo della legislazione europea", conclude Kompatscher.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: