Nato, ok inizio ritiro dall'Afghanistan dal 1 maggio

Blinken, anche con truppe a casa continua sostegno ad afghani

Redazione ANSA

BRUXELLES - Gli alleati hanno stabilito che inizieremo il ritiro delle forze dall'Afghanistan dal primo maggio. Questo ritiro sarà ordinato, coordinato e deliberato". Lo afferma la Nato nel suo comunicato finale della riunione odierna. Prevediamo di completare il ritiro di tutte le forze entro pochi mesi. Qualsiasi attacco talebano contro le truppe alleate durante questo ritiro riceverà una risposta energica", aggiunge la Nato.

"Questa non è la fine del nostro rapporto con l'Afghanistan ma l'inizio di un nuovo capitolo". Così il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg.

"Tutti gli alleati si sono trovati d'accordo nell'iniziare il ritiro dall''Afghanistan a partire dal primo maggio, questa è stata una decisione che abbiamo preso insieme, una decisione che non è stata facile prendere". ha aggiunto Stoltenberg. "Credo che dopo 20 anni per gli alleati sia arrivato il momento di partire", ha aggiunto.

"Le nostre truppe hanno compito la loro missione e possono essere orgogliose di quello che hanno fatto in Afghanistan. Hanno reso possibile che si ottenessero dei progressi economici e politici" nel paese e "oggi gli afghani difendono i loro interessi, eleggono i loro leader e mandano i loro figli a scuola". Così il segretario alla difesa Usa, Lloyd J. Austin III alla conferenza stampa a Bruxelles. "C'è però ancora molta violenza", ha aggiunto.

"Anche con le nostre truppe a casa noi come alleati continueremo a sostenere gli afghani e resteremo vigili contro ogni minaccia terrorista". . Così il segretario di Stato Usa Antony Blinken nella conferenza stampa a Bruxelles.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: