Romania: Ue, pronti a intervenire per rispetto stato di diritto

Monito di Timmermans a leader romeni, 'cambiare subito rotta'

Redazione ANSA

BRUXELLES - La Commissione europea agirà "senza ritardo" per contrastare le "maggiori preoccupazioni" sullo stato di diritto in Romania, applicando il dispositivo per il rispetto delle regole comunitarie a riguardo. L'avvertimento giunge dal primo vicepresidente Ue, Frans Timmermans, in una lettera inviata venerdì alle autorità politiche di Bucarest, in cui le esorta ad agire in fretta per affrontare i problemi sollevati da Bruxelles. Le interferenze nell'indipendenza del sistema giudiziario e nella lotta alla corruzione, che riguarda anche la gestione dei fondi Ue, nonché i recenti emendamenti al codice penale approvati dal governo rumeno, sono in cima alle preoccupazioni Ue.

Nel Paese si sta verificando una "progressiva cancellazione dei progressi compiuti negli ultimi anni" e "le questioni identificate e le raccomandazioni formulate" da Bruxelles "per alleviare queste preoccupazioni non sono state affrontate", scrive Timmermans. "Se non saranno apportati gli interventi necessari e se ci saranno ulteriori passi indietro, come la promulgazione delle ultime modifiche al codice penale, la Commissione applicherà il quadro legale sullo stato di diritto e sospenderà il meccanismo di controllo e verifica", ha sottolineato oggi il portavoce Ue Margaritis Schinas, ribadendo quanto espresso nella lettera di Timmermans. Si tratta, ha sottolineato Schinas, dell'"ultimo avvertimento" prima di avviare l'iter per la procedura di infrazione. "Al momento, vogliamo aiutare le autorità a trovare soluzioni e siamo pronti a impegnarci in un dialogo attivo", ha concluso il portavoce Ue.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: