Prosegue il valzer delle poltrone sulle nomine Ue

Renew, fedeli all'accordo. Verdi, donna alla Presidenza Pe. S&D, prematuro

Redazione ANSA

STRASBURGO - "Per me è ancora troppo prematuro discutere sulle future cariche europee", fra cui la presidenza del Parlamento europeo che sarà rinnovata il prossimo anno. Lo ha detto la presidente del gruppo dei Socialisti e democratici (S&D) Iratxe Garcia Perez rispondendo ai giornalisti che chiedevano se gli S&D rispetteranno o meno l'accordo scritto con il Ppe e Renew sulla staffetta per metà mandato. I Popolari chiedono che la più alta carica debba passare a loro dopo la presidenza Sassoli.

"Ribadisco che oggi abbiamo altre priorità - ha aggiunto -. Non è ancora il momento di adottare delle decisioni perché dobbiamo concentrarci sul futuro della istituzione e non su quello delle singole persone. Quando sarà il momento decideremo una posizione". Garcia ha poi elogiato il lavoro di Sassoli: "stimo enormemente il suo lavoro".

"In linea di principio prevediamo di restare leali agli accordi presi - ha detto il presidente del gruppo di Renew al Parlamento europeo, Dacian Ciolos - ma ci aspettiamo che i partner contraccambino". 

"Vedremo come andare avanti per la seconda legislatura, vedremo chi si candiderà e vedremo anche le discussioni interne al gruppo nelle settimane a venire - ha aggiunto -. Saremmo favorevoli anche a delle candidate donne".

Concorda su questo punto la co-presidente del gruppo dei Verdi europei, Ska Keller: "Come presidente del Parlamento europeo vorremmo avere un ottimo presidente che rafforzi internamente la democrazia. Noi abbiamo sempre detto sempre che è un peccato che non ci sia una donna alla presidenza dell'Eurocamera"

"Ne discuteremo, noi riteniamo che nessun gruppo è proprietario di questo incarico - ha spiegato -. Il presidente non dovrebbe essere definito dai capi di stato e di governo e non è di priorità di alcun gruppo politico qui al parlamento europeo".

"Non sono l'unica donna al Parlamento europeo, ricorderete che mi sono già candidata e non sono stata eletta. Discuteremo della nostra strategia", ha poi precisato Keller a chi le chiedeva di una sua ipotetica candidatura all'Eurocamera.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie