'Sofagate', von der Leyen: incidente molto imbarazzante

Michel, rammaricato, offesa a tutte le donne

Redazione ANSA

BRUXELLES -  Un incidente molto imbarazzante. La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha qualificato così il Sofagate nel suo intervento oggi alla Conferenza dei presidenti del parlamento europeo. Lo riferiscono fonti Ue. Le tre istituzioni europee dovrebbero essere su un piano di parità quando si tratta di paesi terzi, ha aggiunto von der Leyen, identificando poi nell'incidente una dimensione di genere e collegandolo al ritiro della Turchia dalla Convenzione di Istanbul. Von der Leyen si è poi ripromessa che quanto accaduto nel viaggio ad Ankara non si ripeterà mai più e che le missioni saranno preparate congiuntamente.

Dal canto suo, il presidente Charles Michel si è detto profondamente rammaricato per l'incidente del Sofagate e ha parlato di offesa alla presidente della Commissione Ue e a tutte le donne. Lo riferiscono fonti a Bruxelles. Il politico belga ha rivelato che il servizio di protocollo del Consiglio non ha avuto accesso alla sala riunioni con Erdogan, quella dove si è verificato l'incidente della sedia, e ciò è stato un errore. Ma secondo Michel, mostrare disappunto con Erdogan avrebbe messo a repentaglio il lavoro fatto con la Turchia, riconoscendo tuttavia che l'unità dell'Ue è stata intaccata dall'incidente.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha partecipato oggi pomeriggio insieme al presidente del Consiglio europeo Charles Michel alla Conferenza dei presidenti (Cop) del parlamento europeo ad una settimana dall'incidente del 'Sofagate' avvenuto durante la missione ad Ankara. Sul tavolo gli sviluppi legati al viaggio in Turchia, tema sul quale i presidenti dei gruppi politici del Pe hanno chiesto spiegazioni. Ieri Michel e von der Leyen si sono incontrati per la prima volta dopo sette giorni dai fatti di Ankara per un chiarimento.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie