Ungheria: conservatori danesi, espellere Orban dal Ppe

Anche ministro Lussemburgo contro Budapest, inaccettabile regime di dittatura nell'Ue

Redazione ANSA

BRUXELLES - Il Partito popolare conservatore danese, che fa parte del gruppo del Ppe al Parlamento europeo, chiede l'espulsione del partito di Orban, Fidesz, dalla famiglia politica. Lo scrive in un tweet l'eurodeputata Pernille Weiss, che è anche l'unico membro del partito all'Eurocamera. "Chiediamo che Fidesz e Viktor Orban siano esclusi dal gruppo del Ppe al Parlamento europeo. Per troppo tempo abbiamo assistito alla scomparsa della democrazia a Budapest". L'eurodeputata ha annunciato quindi l'invio di una lettera al presidente del Ppe, Donald Tusk, e al capogruppo del Ppe al Parlamento Ue, Manfred Weber, in cui si chiede l'espulsione di Orban. "Intendo contattare i miei colleghi del gruppo del Ppe - ha scritto in un altro tweet - e incoraggiarli a fare la stessa richiesta".

Anche il ministro degli Esteri lussemburghese, Jean Asselborn, in un'intervista al giornale tedesco die Welt, ha condannato le misure straordinarie adottate da Viktor Orban: "Non possiamo accettare che esista un regime dittatoriale nell'Ue. L'Ungheria dovrebbe essere messa in uno stretto regime di quarantena politica. Il governo ungherese non dovrebbe più avere un posto al tavolo delle istituzioni europee", ha detto.

Della mossa di Budapest si discuterà stamani anche al collegio dei commissari Ue, che si riunisce in videoconferenza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie