Progetto per turismo culinario area Med

A Trapani firma accordo tra Gac siciliani e paesi area Med

Redazione ANSA PALERMO
(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Cibo e tradizione, territorio e promozione. Ma, soprattutto, cooperazione transnazionale che mette insieme alcuni Paesi del bacino del Mediterraneo, col comune scopo di creare itinerari turistici legati al cibo. È la sfida di "Itineramed", il progetto europeo promosso dal Gruppo di azione costiera (Gac) siciliano "Torri e Tonnare del litorale trapanese" che coinvolge otto Gac dell'isola, l'Albania, la Serbia, l'isola di Malta, il Libano e l'Egitto. Sabato a Trapani si concluderà questa prima fase del progetto, con la firma dell'accordo transnazionale per la gestione degli itinerari mediterranei del gusto. Su obiettivi e regole che costituiranno la "carta" sulla quale creare gli itinerari, si ritroveranno i sei Paesi, capofila sarà la Sicilia.

Il progetto si è sviluppato nel 2015 con diverse tappe, nell'ambito del Cluster biomediterraneo dell'Expo che mette insieme undici Paesi, capofila la Sicilia. A giugno, proprio a Milano, è stato sottoscritto il primo accordo di massima tra tutti gli 11 Paesi partner del Cluster biomediterraneo. A luglio è stato firmato l'accordo costitutivo tra i 6 degli 11 Paesi inizialmente coinvolti: Italia, Egitto, Serbia, Albania, Libano e Malta. "Il cibo e il territorio sono gli elementi che contraddistinguono il progetto - spiega il coordinatore tecnico Giampiero Cappellino - nel bacino Mediterraneo, il pasto non è semplicemente l'atto del nutrirsi, ma rimanda a molti aspetti della vita sociale e culturale. Da qui la costruzione di una progettualità concreta che generi flussi turistici condivisi.

Tra gli obiettivi dell'accordo c'è quello di fornire formazione, assistenza tecnica e strumenti di lavoro ai Paesi del Mediterraneo, ai fini della diffusione dei modelli di gestione locale degli itinerari". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA