D'Alessandro, Abruzzo scoperto a Milano

'Colto l'obiettivo iniziale, regione non è più meta sconosciuta'

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 3 OTT - "Avevamo un obiettivo quando abbiamo iniziato e a meno di trenta giorni dalla conclusione posso dire che è stato colto: dovevamo meravigliare e farci scoprire. L'Abruzzo è stato scoperto a Milano in tutte le sue caratteristiche, grazie a una strategia che ha visto protagonisti territori e imprese". Così il consigliere delegato all'Expo della Regione Abruzzo, Camillo D'Alessandro, nel tracciare un primo bilancio a meno di un mese dalla chiusura dell'esposizione universale.

D'Alessandro ricorda che sono state promosse "non solo iniziative a casa Abruzzo, nell'ambito del fuori Expo, ma anche dentro l'Expo, creando quasi un ponte". A questo si aggiungono "eventi e manifestazioni in location dal respiro internazionale".

"Registriamo nell'anno dell'Expo - aggiunge - il più importante incremento di presenze turistiche mai conosciuto negli ultimi anni in Abruzzo: più due milioni di persone nella stagione estiva. Questo non è dovuto solo ad Expo, ma è chiaro che è iniziato un cammino per cui l'Abruzzo non è più una meta sconosciuta. Ovviamente tutto ciò ha comportato una scelta: la promozione è stata fatta fuori dall'Abruzzo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche:

26 ott. 2015 17:29

13 ott. 2015 16:04

agendaeventi