WS partner di America's Cup

America's Cup e (ampi) dintorni

Responsabilità editoriale Saily.it

Accordo siglato a Bermuda tra Federvela mondiale, Defender neozelandese e Challenger of Record. La Coppa rientra tra gli Special Event di World Sailing, che fornirà i Race Officials (Richard Slater (AUS) confermato Chief Umpire). Le organizzazioni collaboreranno per aumentare la visibilità della vela sui media e sulla sostenibilità degli eventi

 

Un accordo a tre: federvela mondiale, defender neozelandese e primo sfidante italiano Luna Rossa. In base a questo accordo, siglato a Bermuda a margine dell'annual conference, World Sailing sarà partner della 36 America's Cup Presented by Prada.

Il presidente WS Kim Andersen: "La Coppa è uno degli eventi clou della vela, è vitale per World Sailing, per il defender e per il challenger of record, collaborare per assicurare una competizione leale e regolare in acqua.

"Abbiamo lavorato con Grant Dalton (ETNZ, defender) e Laurent Esquier (COR) a questo accordo, vogliamo garantire che la prossima Coppa America sia offerta al pubblico degli appassionati con lo standard più elevato che esso si aspetta.

Intanto, l'accordo prevede che l'America's Cup sia reintrodotta nella lista di Special Event stilata da World Sailing. Era assurdo che in questa lista WS avesse inserito SailGP e non ci fosse la Coppa. Era una eredità di Andy Hunt, il CEO recentemente "dimissionato".

Ciò significa che WS fornirà alla Coppa i Race Officials, l'approvazione delle speciali Regole di Regata per l'America's Cup - Racing Rules of Sailing (America’s Cup Edition) - nonchè la gestione del programma anti-doping. Insomma farà quello che deve fare una federazione sportiva internazionale in uno dei suoi massimi eventi sportivi.

World Sailing, il Defender e il Challenger of Record, inoltre, lavoreranno insieme a sviluppare programmi sulla sostenibilità nei vari momenti che riguarderanno la Coppa, la Prada Cup Challenger Selection Series e altri eventi preliminari (comprese le AC World Series, la cui prima edizione sarà in Italia a Cagliari a fine aprile 2020).

Ultimo aspetto, ma non meno importante: le tre organizzazioni hanno annunciato l'intenzione di collaborare da vicino per la promozione e l'anfatizzazione della copertura mediatica globale dello sport della vela. Messa così, suona come la determinazione a sfruttare la Coppa come traino per tutto il resto della vela. E' ciò che da decenni avviene, senza una strutturazione, stavolta è stato scritto nero su bianco. Un salto in avanti notevole. Un caso in cui l'assenza di Andy Hunt suona come una vera e propria liberazione...

Grant Dalton, CEO di America’s Cup Events, ha commentato: “Per un evento velico della magnificenza dell'America’s Cup, ci sono infiniti dettagli organizzativi. Ma credo che stabilire la collaborazione ufficiale con World Sailing sia una importante base di partenza."

Laurent Esquier, CEO of Challenger of Record 36, responsabile dell'organizzazione delle America’s Cup World Series (2020), della Christmas Race (2020), e della Prada Cup Challenger Series (2021), ha detto: "Questo accordo è un grande passaggio per il ciclo della XXXVI AC, e siamo grati a World Sailing e al presidente Andersen."

Come parte dell'accordo, World Sailing ha confermato l'incarico a Richard Slater (AUS) come Chief Umpire della 36th America’s Cup. Slater conferna dunque il ruolo avuto per la 35th America’s Cup e guiderà il gruppo di International Umpires, in acqua e a terra nei prossimi due anni, durante i quali sarà sviluppata la tecnologia elettronica di gestione delle regate secondo quanto già indicato dalle note "High Speed rules" edition delle Regole di Regata, per le regate ad alta velocità.

Responsabilità editoriale di Saily.it