Transat Jacques Vabre: disalbera un Class 40

L'Atlantico si fa subito rispettare: video e foto

Responsabilità editoriale Saily.it

DAY 1, PRIMI VIDEO DA BORDO - Prime 24 ore della transat in doppio, e primo incidente, il disalberamento del Class 40 Lamotte-Module Création (Luke Berry e Tanguy Le Turquais) che era in testa, subito dopo l'uscita dal Canale della Manica. Tutta la flotta imprime un ritmo forsennato alla regata. Grande incertezza sulle scelte tattiche perchè l'evoluzione meteo è incerta: si teme la bonaccia nel golfo di Biscaglia, ma si deve anche evitare la coda della depressione "Pablo"

 

Un incidente in apertura della TJV: alle 7:50 di lunedi mattina il leader della flotta dei Class 40, Lamotte - Module Création, condotto dalla coppia anglo-francese Luke Berry e Tanguy Le Turquais hanno comunicato di aver rotto l'albero. I due skipper stanno bene e in sicurezza a bordo della barca.

Il ritmo è stato sostenuto tutta la prima notte per le 59 coppie della Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre, che convergono questa mattina verso Ouessant. Il Multi50 Solidaires en Peloton ARSEP svolge ancora il ruolo di lepre, ed è appena passato a sud dell'ora legale (Traffic Separation Device) che contrassegna l'uscita del canale. Nessuna barca ha ancora optato decisamente per posizionarsi a Ovest, come originariamente annunciato. Per il momento, tutti sono concentrati sulla conduzione perché le condizioni sono muscolose con oltre 30 nodi e un mare corto che ha costretto l'intera flotta a una navigazione molto "bagnata".

Lo ha detto anche Giancarlo Pedote nel suo primo messaggio da bordo, trasmesso ad alcuno media italiani e riportato sulla pagina facebook di Saily.

Giancarlo e Anthony sono dati dal tracking cartografico al 13° posto sui 29 Imoca60 al via.

IMOCA60 - Ieri sera, a sorpresa una barca senza foil di ultima generazione era in testa: il tandem Cremer-Le Cléac'h (Banque Populaire IX) è passato primo al Cap de la Hague e questa mattina, poi Groupe Apicil (Damien Seguin, Yoann Richomme) ha preso il comando, davanti a Nicolas Troussel e all'inossidabile Jean Le Cam, anch'essi a bordo di un IMOCA del 2007 che sfruttano perfettamente. C'è voluto un po' prima che Charal prendesse il sopravvento, in base all'ultima classifica prima di questo post.

Si nota lo spostamento di un gruppo guidato da Hugo Boss in cui troviamo Master CoQ e Charal che hanno avvicinato il punto di strambata alla costa inglese, per trovare la migliore velocità o per l'inizio di una scelta tattica.

L'ultimo dei foilers varato a settembre, Advens for Cyberscurity è stato costretto a fermarsi a Cherbourg ieri sera intorno alle 23:00 per riparare i problemi con i cilindri del pilota automatico. Thomas Ruyant e Antoine Koch hanno dovuto aspettare quattro ore poiché il regolamento prevede di lasciare e chiudere la marcia a circa 80 miglia dai leader.

Multi50 - In testa alla linea di partenza di Le Havre, Thibault Vauchel-Camus e Frédéric Duthil puntano chiaramente all'appuntamento di questa 14a Route du Café. Il loro trimarano blu è stato il primo ad uscire dal Canale della Manica lunedi mattina. Con 20 miglia di vantaggio su Primonial e 30 sul gruppo GCA, Thibault e Frédéric hanno un ritmo costante sotto gennaker e non hanno esitato a continue strambate per rimanere sul loro schema tattico per avvicinarsi alla punta della Bretagna.

Class40- Dopo un ottimo inizio che li ha messi in vantaggio a Etretat, un altro leggendario master come Kito de Pavant in coppia con Achille Nebout non sono stati in grado di resistere alla velocità degli ultimi prototipi. "Lo spinnaker Made in Midi non ha la velocità delle barche recenti e siamo solo scesi in classifica. Non molto incoraggiante per il futuro! Ma teniamo duro", ha detto Kito nel suo messaggio mattutino.

In Class40, il conflitto generazionale disegna la gerarchia nella classifica di lunedi mattina. Al largo delle Isole del Canale, i favoriti sono a meno di 5 miglia, prima del disalberamento Lamotte-Module Creation, quindi Leyton, Crosscall Chamonix Mont Blanc e Banque Du Léman, solo il Pogo di Charles-Louis Mourruau e Estelle Greck sembra resistere al loro ritmo. Sotto un piccolo spinnaker in condizioni toniche, l'ultima delle 27 barche dei Class40 è già a più di 50 miglia dal leader.

MA OCCHIO A PABLO... I RESIDUI DI QUELLA FORTE DEPRESSIONE TROPICALE INCROCIANO LA FLOTTA? - I resti della depressione tropicale Pablo incontreranno i 58 concorrenti della Route du Café, è ormai chiaro dalle carte. Il suo corso a nord e l'angolo insolito del suo fronte caldo cambieranno improvvisamente le condizioni nel pomeriggio per i leader della regata. Gli effetti potrebbero sentirci per l'intera prima settimana di gara.

Stando a queste previsioni, ci si attendeva che la flotta avrebbe potuto dividersi in due gruppi appena fuori dalla Manica. Prua su Terranova o sull'Africa. Invece a quanto pare la maggior parte delle coppie segue un percorso abbastanza tradizionale, con una prua appena a Est delle Azzorre. La prima notte piuttosto dura e stancante ha forse fatto dimenticare i grandi dibattiti sui file meteorologici. Solo Yoann Richomme da l'impressione di voler seguire una rotta molto occidentale con lo scopo di aggirare tutto il grande sistema di bassa pressione che ora si sta stabilendo sull'Atlantico, considerato "abbastanza rischioso".

La posizione dei sistemi depressionari si è leggermente evoluta dall'inizio. Per cominciare con il piccolo disturbo Pablo che spinge a nord e il cui fronte associato influenzerà la strategia dei navigatori nelle prossime ore. C'è un altro rischio, all'avvicinarsi della parte anteriore del fronte il vento si ammorbidirà, lasciando il residuo dell'onda che darà molto fastidio ai concorrenti. L'area di vento debole si estende oltre l'asse Ushant-Cape Finisterre, praticamente l'intero Golfo di Biscaglia, che rischia di trasformarsi in una trappola.

Arrivando nel gioco della depressione più tardi degli scafi più veloci, i Class40 potranno forse essere i più adatti a tentare l'opzione occidentale. Ian Lipinski e Adrien Hardy (Credit Mutuel) sono passati lunedi mattina appena a ovest di Ouessant. Catherine Pourre con l'italiano Pietro Luciani (Eärendil) continuano invece verso ovest. Al momento scelta solitaria.

ALTRI VIDEO DA BORDO

MADE IN MIDI (KITO DE PAVANT) - Una vecchia conoscenza anche dei mari e regate italiani (ha fatto due volte la Palermo-Montecarlo)

 

PRB (Kevin Escoffier e Nicolas Lunven)

 

APIVIA (UNO DEI NUOVI IMOCA 60 FOILING (Yann Elies e Charlie Dalin)

 

INITIATIVE COEUR (Samanta Davies e Paul Mehilat)

Responsabilità editoriale di Saily.it