Agroalimentare Ue, tutela contro pratiche sleali è per tutti

Dibattito su direttiva inizia settimana prossima

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Tutte le imprese della produzione agroalimentare devono essere tutelate contro le pratiche commerciali sleali degli acquirenti, "indipendentemente dalla dimensione". Serve poi una "definizione chiara di cosa è una pratica commerciale sleale" nel settore agroalimentare e "una revisione entro 3 anni della normativa" attualmente in preparazione a Bruxelles. Sono le richieste avanzate dalle principali organizzazioni di categoria europee del settore agroalimentare sulla direttiva sulle pratiche commerciali sleali, con il dibattito che entrerà nel vivo la settimana prossima. Il documento è firmato da Copa e Cogeca (agricoltori e cooperative agricole), FoodDrinkEurope (imprese della trasformazione alimentare), Effat (sindacato lavoratori agricoli), Aim (associazioni prodotti di marca), Ifoam Eu (settore bio) e Ftao (per il sostegno al commercio equo in Ue e nel mondo).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."