Pasta alla carbonara e cocktail? Al Caffè Propaganda funziona

Nel locale romano anche bibite della casa, cherry cola e calippo

Redazione ANSA ROMA

ROMA- La pasta alla carbonara, piatto simbolo della cultura gastronomica romana, si sposa anche con i cocktail a base mezcal. Lo dimostra il buon matrimonio tra la cucina dello chef Fabio Pecelli e i drink di Patrick Pistolesi e la sua squadra di barman che hanno innovato le proposte di Caffè Propaganda, indirizzo-cult della capitale che, a pochi passi dal Colosseo, ha riaperto con menu rinnovato in questi giorni.

"Vogliamo rompere con l'omologazione del gusto - ha detto lo chef Pecelli - senza facili scorciatoie creative, come le spezie sull'amatriciana. Il piatto, come lo "Spaghettone acqua di...cacio & pere", deve raccontare la storia di Roma. Abbiamo fatto uno studio su quanto offre oggi la ristorazione a Roma per poi capire che il nostro valore aggiunto sarà offrire la carbonara più autentica, una essenza di gusto presentata in piatti esteticamente più moderni: un tortello liquido. Insieme a preparazioni di qualità, giocosamente in forma di hamburger gour..meet con verdure biologico dell'orto biodinamico a Monterotondo, Minestrone di frutta e verdura, e finger di baccalà mantecato croccante, sempre abbinabili con i rinomati distillati del locale". Sotto buone note jazz, un restyling del locale ora più luminoso, anche il servizio di sala, diretto da Enrico Camelio e Valerio Capriotti, esprime una nuova impronta.

L'idea, sottolineano da Caffè Propaganda, è quella di "un nuovo corso avanguardista in cui la sfida non è solo inventare qualcosa di nuovo nel piatto o nel bicchiere ma far sentire l'ospite parte di un nuovo scenario". E "Hotel Avanguardia" è il nome dato alla nuova carta dei cocktail curata da Patrick Pistolesi, indiscusso re del mixology romano, e Livio Morena che guidano una traversata del mondo intero, dal Giappone al Caribe, attraverso selezionati spirits.

Per i nostalgici, tre proposte retrò: il Calippo, un gioco alcolico ghiacciato che rimanda all'infanzia; il Latte e menta che rende inaspettato il connubio con un raffinato rhum haitiano, e la Cherry Cola, la prima bibita imbottigliata direttamente al Caffè Propaganda, totalmente fatta in casa. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA