Da malattie del cuore 200 mila morti all'anno

Progetto SICGe porta i controlli gratuiti nei piccoli comuni

Redazione ANSA ROMA

   Le malattie del cuore sono la prima causa di morte in Italia e sono responsabili di circa 200mila decessi ogni anno, con un picco tra gli over 65. Per conoscere come sia mutato il cuore degli anziani di oggi e quali siano le iniziative da mettere in atto per migliorarne la salute, parte oggi un ampio progetto di prevenzione cardiovascolare che porterà controlli gratuiti nei borghi italiani a partire da Guercino, borgo medioevale della Ciociaria. Promosso dalla Società Italiana di Cardiologia geriatrica (SICGe), Federanziani e la Onlus Salute e Società il progetto "Il cuore di…" prenderà il nome del piccolo comune italiano dove, tappa dopo tappa, verrà ospitato. Il primo paese a sperimentare l'iniziativa, dal 4 all'11 Luglio, sarà Guarcino, in provincia di Frosinone. "I nostri piccoli paesi si prestano molto bene a questa iniziativa. Si tratta infatti - afferma Alessandro Boccanelli, direttore del Dipartimento malattie cardiovascolari, dell'Ospedale San Giovanni Addolorata a Roma e presidente SICGe - di comunità costituite da non più di 2000 persone, con popolazione mediamente più anziana e che ha forse meno occasioni della popolazione di città di essere sottoposta a controlli medici". Per la Società Italiana di Cardiologia Geriatrica, tra gli obbiettivi del progetto c'è quello di definire la prevalenza di malattie cardiovascolari nell'anziano, come fibrillazione atriale o disfunzione ventricolare. Nella fascia di popolazione superiore ai 65 anni, infatti, ci sono molte condizioni che, se colte in tempo, possono essere trattate prima che si trasformino in seri problemi. "E' una splendida occasione - commenta il sindaco di Guarcino, Urbano Restante - per aumentare il livello di salute della comunità, che, grazie all'impulso dei medici di famiglia e di una società scientifica, riesce a ottenere controlli tecnologicamente sofisticati e consigli di comportamento preziosi, con costi contenuti".

    
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: