Con la Life la Opel rivoluziona la Zafira

Tre lunghezze e sino a nove posti, anche 4x4

Redazione ANSA FRANCOFORTE

Rivoluzionata nell'impostazione, da auto monovolume diventata un vero e proprio minivan, capace di ospitare sino a 9 persone, la quarta generazione della Opel Zafira aggiunge Life al nome. Oltre a continuare a puntare alle famiglie numerose, ora la vettura del Costruttore tedesco ambisce a ritagliarsi uno spazio importante come shuttle nel trasporto aziendale e alberghiero. Rispetto all'attuale modello che uscirà dai listini entro fine anno e che sostituisce, la nuova è completamente cambiata.

Sempre accogliente, decisamente più spaziosa, con un abitacolo molto luminoso se dotato di tetto panoramico in vetro, dotabile con 14 sistemi di assistenza alla guida, è l'ultimo prodotto dell'accordo PSA-Toyota, da cui sono nati Citroen Spacetourer, Peugeot Traveller e Toyota Proace e i derivati per utilizzo commerciale. Disponibile come le 'cugine' franco-nipponiche di progetto in tre lunghezze (S, M e L), rispettivamente di 4,6, 4,95 e 5,3 metri, su asfalto si guida in relax, specie con cambio automatico. Con la giusta dotazione di accessori si trasforma da mezzo per la famiglia a shuttle di lusso o, addirittura, in ufficio mobile. Prodotta nella fabbrica francese Sevelnord, di Valenciennes, di proprietà del gruppo transalpino di cui dal marzo del 2017 fa parte la Casa del Fulmine, sarà proposta con alimentazione elettrica dal 2021. In vendita in Italia da giugno, al lancio la sua gamma prevede due motori a gasolio, un 1.5 da 102 o 120 Cv e un 2.0 da 150 o 177 Cv. Offerta nel nostro Paese in quattro allestimenti (Enjoy, Innovation, Business e Business Innovation), con prezzi che partono da 34.830 euro, può essere ordinata con cinque, sei, sette, otto o nove sedili.


Oltre che con due ruote motrici, è prevista anche con un'efficace trasmissione 4x4, messa a punto dagli specialisti d'Oltralpe della Dangel. Questa opzione non teme l'offroad, come abbiamo potuto verificare tra i dossi, i guadi e le buche del tracciato sterrato dell'ADAC di Bauschheim, nel corso di un breve test. In questa configurazione diventa un possibile oggetto del desiderio per gli albergatori di montagna e per chi ha la necessità di fare del fuoristrada in compagnia. Guidata nella più potente versione 2.0 D 'corta', sulle strade e sulle autostrade intorno a Francoforte, con il motore Diesel di 1.997 cc da 400 Nm di coppia, abbinato al cambio automatico a 8 rapporti, ha dimostrato di poter rivaleggiare senza complessi di inferiorità con i modelli ''premium'' di costruzione tedesca di altri brand, che vanno per la maggiore nel segmento. Accreditata di consumi medi di 8,1-7,0 litri per 100 km nel ciclo misto (WLTP) e di emissioni medie di CO2 di 213-183 g/km, ai 130 orari autostradali rispetta i timpani di guidatore e passeggeri e, con il quattro cilindri che in ottava marcia frulla intorno al picco di coppia di 2.000 giri, risulta sempre pronta allo scatto per un rapido sorpasso.

''Vent'anni fa nasceva la prima Opel Zafira, un'icona di spazio e flessibilità - sottolinea Stefano Virgilio, responsabile della comunicazione di Opel Italia -, oggi la quarta generazione rafforza ulteriormente questi valori, rendendo la Life il prodotto ideale per le famiglie numerose e come navetta professionale. Già ordinabile, sarà in arrivo nelle concessionarie da settembre''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA