Più stile e comfort di guida per nuovo Nissan Qashqai

Guida semiautonoma Pro Pilot dal 2018, a seguire su X-Trail

di Damiano Bolognini Cobianchi ROMA

VIENNA - A tre anni dal lancio della seconda generazione, il Nissan Qashqai si rinnova per confermare la sua leadership. Venduto dal 2007 in Europa in 2,3 milioni di esemplari, di cui ben 256mila consegnati in Italia, da dieci anni è infatti il modello di riferimento della categoria che ha creato. Con l'ultimo importante aggiornamento, mostrato al grande pubblico in marzo al Salone di Ginevra e in arrivo nelle concessionarie dello Stivale da settembre, il veicolo del Costruttore nipponico rinnova il suo appeal facendo leva oltre che su uno stile più fresco anche su contenuti accresciuti a livello di comfort e tecnologia. E questo, in attesa della disponibilità del sistema di guida assistita Pro Pilot, prevista per la primavera 2018, che ne farà anche uno degli Sport utility più tecnologici in commercio. Il sistema, attualmente allo stadio di sperimentazione avanzata, agisce infatti controllando sterzo, acceleratore e freni del veicolo nella marcia autostradale e in quella stop&go tipica delle code, per togliere stress al guidatore, a tutto vantaggio della sicurezza.

Esternamente il nuovo Qashqai si riconosce per il differente frontale, reso più accattivante da proiettori dal taglio diverso e da una mascherina V-Shield di dimensioni maggiori. All'interno appare più curato nei dettagli: spiccano, inoltre, i nuovi sedili più ampi e confortevoli e il volante più piccolo e con la corona appiattita nella parte bassa, che permette di consultare meglio la strumentazione presente nel cruscotto. Aggiornamenti che sono stati accompagnati da affinamenti allo sterzo e da un'insonorizzazione più attenta della cabina, mirata a innalzare il comfort acustico, tanto ad andatura autostradale quanto in quella extraurbana.

Un refresh che va di pari passo con quello introdotto sul nuovo X-Trail, presentato pochi giorni fa nella cornice calcistica della finale di Champions di Cardiff e mostrato nuovamente alla stampa internazionale nell'evento di Vienna: nei saloni da ottobre, sarà anch'esso disponibile con Pro Pilot a qualche mese di distanza dall'introduzione su Qashqai. Tra le novità in arrivo per quest'ultimo, provato sulle strade viennesi con motore 1.6 Diesel da 130 Cv abbinato al cambio automatico Cvt e alla trazione anteriore, da segnalare l'introduzione di una nuova versione top di gamma, denominata Tekna+, riconoscibile esternamente per le finiture cromate per calotte degli specchietti e dettagli laterali e posteriori. Di serie, tra l'altro, prevede i sedili in nappa con trapuntature 3D sulla parte centrale di seduta e schienale, poltrona guida con supporto lombare a 4 punti e due posizioni predefinite collegate agli specchietti retrovisori e un nuovo impianto audio Bose con Otto altoparlanti: due tweeter da 25 mm alla base del parabrezza, un woofer da 165 mm in ciascuna portiera anteriore e un altoparlante per frequenze medie da 130 mm in ciascuna portiera posteriore.

Proprio alla guida di un Qasghqai 130 Cv con cambio automatico in allestimento Tekna+ abbiamo affrontato un percorso prova di pianura e montagna intorno all'ex capitale dell'impero Asburgico, riscontrando l'efficacia degli interventi apportati.

Effettivamente sul nuovo modello ad andatura autostradale (130 km/h, motore a 2.200 giri) i fruscii aerodinamici e i rumori di rotolamento degli pneumatici appaiono filtrati meglio che in passato, a tutto vantaggio del comfort di guida e spariscono del tutto quando si accende il sofisticato impianto audio. Insomma si viaggia decisamente meglio, sia sulle lunghe percorrenze sia bei tratti urbani.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA