Maserati Gran Turismo Zéda per celebrare futuro del Tridente

A Modena stop linea GT e parte rinnovamento dello stabilimento

Redazione ANSA MODENA

Si chiama Zéda - cioè Z in dialetto modenese, per rendere omaggio alle radici di Maserati - l'inedita sportiva con cui la Casa del Tridente celebra l'ultimo giorno di produzione di Maserati GranTurismo. Zéda è il ponte che unisce il passato, il presente e il futuro, perché contestualmente allo stop della linea di produzione delle GT (e dell'Alfa 4C) partono i lavori di rinnovamento dello Stabilimento di Modena che accoglierà una nuova super sportiva che sarà svelata il prossimo anno. Ma GranTurismo e GranCabrio non scompaiono, in quanto la prossima generazione di questi modelli 'iconici' sarà realizzata presso il polo produttivo di Torino, annunciando l'era dell'elettrificazione della gamma Maserati e diventando i primi modelli ad adottare soluzioni 100% elettriche nella storia del brand.

L'inedia GranTurismo Zéda - a cui spetterà il compito di fare il giro del mondo e ad anticipare l'arrivo di una nuova GranTurismo - è un modello unico, dagli esterni avveniristici realizzati dal Centro Stile Maserati, la cui esclusività viene raccontata attraverso i colori e la materia. Osservando la vettura dal posteriore verso il frontale, le superfici subiscono un mutamento e si arricchiscono passando da un effetto satinato chiaro fino ad un color brunito.

La parte centrale si trasforma ulteriormente diventando più profonda e arrivando al blu Maserati che si evolve e diventa energetico, elettrico, quasi vivo, come fosse uno specchio.

La realizzazione di questi effetti è un esercizio di grande maestria nel gestire la complessità dell'applicazione di esecuzioni diversissime tra loro. Attraverso la manualità si ritorna indietro nel tempo, con le tecnologia e conoscenze di oggi, ci si proietta verso il domani.

La conclusione della produzione di Maserati GranTurismo e di GranCabrio definisce l'inizio di un nuovo corso per lo stabilimento di Modena: prendono l'avvio i lavori di aggiornamento delle linee di produzione nell'ottica di un totale rinnovamento che vedrà l'impianto dedicato alla costruzione della nuova super sportiva, una vettura ad alte prestazioni, caratterizzata da elevati contenuti tecnologici e prevista per il 2020. In parallelo è già iniziata la costruzione di una linea di verniciatura, del tutto nuova per l'impianto, dotata di tecnologie innovative a basso impatto ambientale e di un design particolare in grado di permettere ai clienti di assistere personalmente alla verniciatura della propria auto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA