Ford e Audi conquistano due categorie di Engine of the year

Premiati 1.0 EcoBoost dell'Ovale Blu e 2.0 TFSI di Ingolstadt

Redazione ANSA ROMA

Successi per Ford e Audi agli International Engine and Powertrain of the Year 2019, la manifestazione che premia i motori automobilistici con i più elevati contenuti tecnici. Con il suo 3 cilindri a benzina Ecoboost di 998 cc la Casa dell'Ovale Blu ha conquistato il titolo nella categoria sino a 150 Cv di potenza massima, il 2.0 TFSI del Costruttore di Ingolstadt ha invece primeggiato in quella da 150 a 250 Cv.

I riconoscimenti sono stati assegnati da una giuria di 70 giornalisti dell'automotive provenienti da 31 Paesi.

Dalla sua prima applicazione, datata 2012, si tratta dell'undicesimo riconoscimento conquistato agli IEPOTY dal "mille" della Ford. Evoluto con il sistema di disattivazione dei cilindri, alla prima assoluta su un propulsore con architettura a 3 cilindri, l'EcoBoost 1.0 sarà alla base delle innovative declinazioni elettrificate che equipaggeranno i prossimi modelli Ford, tra cui le versioni Mild-Hybrid di Fiesta e Focus e quelle Plug-In Hybrid di Transit e Tourneo Custom. Nel 2018, oltre una nuova Ford su quattro ne ha montato una delle sue numerose varianti, per un totale di 410.000 veicoli.

Dal lancio di sette anni fa, è stato prodotto in oltre 1.6 milioni di unità e ha vinto altri dieci titoli agli IEPOTY: vincitore assoluto 2012, 2013 e 2014, miglior nuovo motore 2012, miglior motore sotto al litro 2012, 2013, 2014, 2015, 2016 e 2017.

Tra le sue ultime novità, da segnalare i miglioramenti apportati alla testata, all'iniezione e ai sistemi di controllo delle emissioni, che si sono aggiunti alle note caratteristiche distintive come l'iniezione diretta ad alta pressione e al sistema a doppia fasatura variabile indipendente dell'albero a camme. Nelle future applicazioni con sistemi elettrificati prevederà uno starter/generatore, azionato da una cinghia (BISG) al posto dell'alternatore standard, consentendo il recupero e lo stoccaggio di energia durante le decelerazioni del veicolo e la ricarica di un pacco batteria di ioni-litio da 48 volt, raffreddato ad aria. Riducendo il turbo-lag, la BISG ha consentito agli ingegneri Ford di aumentare la potenza del motore EcoBoost 1.0 fino a 155CV utilizzando un turbocompressore più grande.

Il quattro cilindri Audi ha conquistato il successo come "uno dei più efficienti e versatili motori mai sviluppati al mondo". Per la tecnologia TFSI del gruppo Volkswagen che abbina iniezione diretta di benzina a sovralimentazione, si tratta dell'ennesimo riconoscimento, sin dal debutto avvenuto nel 2004.

Per ben 15 volte la soluzione Turbocharged Fuel Stratified Injection è stata premiata con il marchio Audi: dal 2005 al 2009 nella classe 2,0 litri, dal 2010 al 2018 in quella superiore grazie alle performance del 2.5 TFSI.

Attualmente i motori 2.0 TFSI sono montati su dieci famiglie di prodotti e offrono potenze sino a 245 Cv.

Per Hans Joachim Rothenpieler, membro del board del Costruttore, quest'ultimo trofeo "celebra la versatilità del 2.0 TFSI, un propulsore impiegato con successo non solo nella versione a benzina ma anche nelle configurazioni ibrida plug-in, bifuel a metano ed e-gas".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA