Bosch Automotive Aftermarket, soluzioni per officine future

Processi più rapidi ed efficienti con connessione e scambio dati

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Nell'attuale fase di transizione dell'industria automobilistica - che riguarda la connettività, la guida autonoma, i sistemi di azionamento ottimizzati e l'elettromobilità - Bosch Automotive Aftermarket ha assunto un ruolo di primo piano e lo farà con un rilievo ancora maggiore vista la capacità del Gruppo tedesco di utilizzare in questi ambiti soluzioni connesse e basate sui dati. ''Già oggi queste tecnologie consentono di eseguire molti processi in modo più rapido ed efficiente - ha dichiarato Manfred Baden, presidente della divisione Automotive Aftermarket di Bosch in occasione della fiera specializzata Automechanika di Francoforte - e con concetti innovativi per la manutenzione e la riparazione, validi per l'intero ciclo di vita del prodotto, oltre a soluzioni connesse per diagnosi e processi di officina, stiamo supportando i nostri partner per quanto riguarda i veicoli attuali e futuri''. Secondo la società di revisione e consulenza PwC, ci saranno oltre 470 milioni di veicoli connessi sulle strade entro il 2025. Di conseguenza, il mercato del software e dei servizi dati sul mercato post-vendita subirà ancora una crescita significativa e sarà un fattore decisivo per quanto riguarda la crescita futura del settore. La connettività e le nuove soluzioni basate sui dati hanno dunque il potenziale per ottimizzare il flusso di lavoro in officina consentendo al contempo notevoli risparmi di tempo. Il software dell'officina Bosch Connected Repair, ad esempio, evita lunghe operazioni di duplicazione. In caso di riparazioni del veicolo, fornisce i dati del veicolo una volta registrati su tutti i sistemi basati su PC. In futuro. La realtà aumentata alleggerirà anche compiti di riparazione piuttosto sofisticati per i dipendenti dell'officina. Questo è un ulteriore risparmio in termini di tempo, fino al 15% in media. Per questo approccio nel campo della formazione delle officine, quest'anno Bosch ha ricevuto il premio per l'innovazione Automechanika. Bosch Connected Repair, ad esempio, rappresenta la base per la connettività intelligente dell'hardware diagnostico nelle officine. Collega la ricezione del veicolo, informazioni sui veicoli, test dei dispositivi e crea una base di dati comune trasmessa in modalità wireless a tutti i dispositivi collegati.

Grazie a questo sistema il veicolo deve essere identificato solo una volta invece di essere registrato separatamente su ciascun dispositivo come avveniva in passato. Rispetto all'assistenza e alla manutenzione con i prodotti Bosch senza riparazione connessa, questo consente di risparmiare fino a 10 minuti per veicolo in officina. Rapporti di prova, commenti e immagini sono memorizzati direttamente nella scheda di lavoro digitale e possono essere recuperati in qualsiasi momento. Tutti gli operatori hanno un facile accesso alla scheda di lavoro digitale e allo stato del veicolo in qualsiasi momento. Oltre alla connettività intelligente dell'hardware diagnostico, Bosch Automotive Aftermarket sta lavorando anche all'ulteriore sviluppo del software. La nuova versione del software Esitronic 2.0, ad esempio, consente alle officine di ottimizzare le procedure di riparazione e diagnostica, di abbreviare i tempi necessari per ciascun veicolo e di eseguire aggiornamenti online continui.

Inoltre, può essere utilizzato sia online che offline. Con l'aiuto di una ricerca testuale e di un'anteprima del documento, gli utenti trovano le informazioni necessarie in modo semplice e veloce. La funzione di riparazione basata sull'esperienza, basata sull'intelligenza collettiva, offre un ulteriore vantaggio. In una banca dati, Bosch ha archiviato oltre 750mila casi di utilizzo reali raccolti nella vita quotidiana dell'officina. Una volta riconosciuto un errore noto alla diagnosi, viene automaticamente consigliata una soluzione di riparazione compilata dagli esperti Bosch, che è già stata valutata come buona soluzione da altri utenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA