Targa Florio Australian Tribute, primi Pizzuto Vagliani su MG

Successo dell'evento che unisce Regione Siciliana e Australia

Redazione ANSA ROMA

Vittoria italiana alla Targa Florio Australian Tribute, la gara di regolarità per auto storiche e da collezione che si è conclusa a Melbourne con un abbraccio di folla sulla Lygon Street. L'evento è stato organizzato in occasione della grande Festa Tricolore nel quartiere italianodi Carlton, con oltre quindicimila connazionalipresenti ad accogliere i concorrenti. A salire sul gradino più alto del podio la coppia - già protagonista del campionato italiano Grandi Eventi di Acisport - formata dal regolarista palermitano Angelo Pizzuto e dalla co-driver mantovana Caterina Vagliani, che hanno gareggiato in Australia su una MG A del 1961 della collezione Lawson. Al secondo posto gli australiani Greg e Barry Adshead su Jaguar E-Type del 1969 seguiti daineozelandesi Renee Aalhuzein e James Andrea su Porsche 356 speedster del 1959. Nella categoria Legend (riservata alle vetture post 1980) vittoria per l'equipaggio Robert e Sam Marsh su Ferrari 360 Spider. ''Questa manifestazione sta crescendo e ogni anno attraverso la gara di regolarita' porta la Targa Florio a scoprire le parti piu' belle dell'Australia - ha commentato il presidente dell Automobile Club di Palermo titolare del marchio Targa Florio, Angelo Pizzuto - un grande evento sportivo che sta facendo emergere alcuni soggetti locali ma anche, come intendeva Vincenzo Florio, diventa un modo per portare la storia e la cultura siciliana ad essere conosciutaed apprezzata in altre parti del mondo''. A premiare i vincitori sul grande palco tricolore della Argyle Square, Andrew Lawson presidente di Targa Florio Australian Tribute, e Linda Lawson, assieme al Console Italiano a Melbourne Pierluigi Trombetta.

I cinquanta equipaggi in gara, provenienti da Italia, Stati Uniti, Inghilterra, Hong Kong, Nuova Zelanda eAustralia,si sono sfidati al centesimo di secondoin prove di regolarità e di media lungo un percorso di circa 1.200 km che ha attraversato lo Stato di Vittoria partendo dallariviera di Torquay e passando attraverso laMornigton Peninsula, i vigneti della Yarra Valley, le imponenti scogliere del Gippsland fino ad arrivare nella patria del motociclismo mondiale, Phillip Island. Questa edizione di Targa Florio Australian Tribute, sostenuta dall'Ambasciata Italiana, dalla Regione Siciliana e da Alfa Romeo, offrendo anche l 'occasione per celebrare il 100mo^anniversario della Great Ocean Road, la strada panoramica più lunga del mondo (243 km) visitata annualmente da oltre sei milioni di turisti, con la partenza della gara dal punto più simbolico di Point Danger a picco sull'oceano. ''Sono particolarmente lieto di portare il saluto della Regione Siciliana - ha detto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci - in occasione della terza edizione della Targa Florio Australian Tribute a tutti i partecipanti che nello Stato di Vittoria hanno animato questa manifestazione rievocativa che richiama le tradizioni e le auto della gara piu' antica del mondo. E sono sicuro che per molti siciliani in Australia, ai quali va il mio sincero e affettuoso pensiero, è stato emozionante partecipare ad un grande evento che esporta nel mondo l'immagine più prestigiosa e attraente della nostra Sicilia''.

La gara è' stata preceduta da un ricevimento organizzato dalla Camera di Commercio italiana di Melbourne dove la nuova ambasciatrice d'Italia Francesca Tardioli ha sottolineato il grande valore sportivo e culturale della Targa Florio, che negli ultimi anni ha costituito un forte elemento identitario per la grande comunità' siciliana, oltre 400mila persone, che vive in Australia. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA