Incidenti stradali, aumentano i morti

Feriti in calo. In diminuzione i sinistri in città, crescono quelli in autostrada

Emanuela De Crescenzo

Non si ferma la scia di sangue sulle strade italiane. Dopo la strage di giovani nel fine settimana, anche oggi si contano due morti, di 21 e 27 anni, e vari feriti in tutta Italia. Ed anche le stime di Istat e Aci, basate sui dati preliminari relativi al primo semestre 2019, sanciscono che la mortalità stradale in Italia continua a crescere, soprattutto sulle autostrade con un +25%. I dati evidenziano un calo, rispetto allo stesso periodo del 2018, sia di incidenti con lesioni (-1,3%) che di feriti (-2,9%) mentre aumentano le vittime (+1,3%).

Dal 1° gennaio al 30 giugno scorso, gli incidenti sono stati 82.048 (in media, 453 al giorno: 19 ogni ora) e hanno causato 1.505 morti (8 al giorno: 1 ogni 3 ore) e 113.765 feriti (628 al giorno: 26 ogni ora). Un andamento definito "preoccupante" che allontana l'Italia dall'obiettivo europeo di riduzione del 50% delle vittime della strada entro il 2020, che risultano calate del 23,6% rispetto al 2010 e del 54,2% rispetto al 2001. L'aumento delle vittime si registra, in particolare, sulle autostrade con oltre il 25% e sulle strade extraurbane con +0,3%. Per le strade urbane si stima, invece, una diminuzione di circa il 3%. Nel primo semestre 2019, le prime iscrizioni di autovetture sono diminuite del 3,4%; le percorrenze medie annue sulle autostrade in concessione sono sostanzialmente stabili (+0,6% rispetto allo stesso periodo del 2018) mentre aumenta il traffico di veicoli pesanti (+2,1%).

I vizi più ricorrenti al volante sono l'eccesso di velocità, mancato utilizzo delle cinture di sicurezza e uso del cellulare, nei primi sei mesi del 2019 le contravvenzioni elevate dalla Polizia Stradale per queste infrazioni sono aumentate, rispettivamente del 38%, 7,5% e 15%. Intanto stamani, dopo un week end di sangue con nove morti sulle strade, un 21enne è deceduto in uno scontro frontale tra l'auto su cui viaggiava ed un camion lungo la Ss14 a San Donà di Piave (Venezia).

Ferito in maniera lieve l'autista del camion finito parzialmente rovesciato fuori strada. Un 27enne è morto la scorsa notte a bordo della sua utilitaria dopo uno scontro contro un tir lungo la provinciale 235 nel comune di Sant'Angelo Lodigiano. L'uomo era a bordo dell'auto con un amico che stato sbalzato dal veicolo e si trova ora ricoverato all'ospedale san Matteo di Pavia in gravi condizioni. Sempre stamani un incidente si è verificato sull'autostrada del Brennero all'altezza di Ponte Gardena, si tratta di uno scontro fra una macchina ed un tir e un uomo di 83 anni di Carpi è rimasto gravemente ferito. E', infine, in gravi condizioni un uomo investito la notte scorsa nell'hinterland milanese. Quando sono intervenuti gli operatori del 118 il pedone era in arresto cardiocircolatorio è stato rianimato e portato in ospedale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA