White Cruise, da Milano a Capo Nord con C5 Aircross 71° N

Max Gionco e Chiara raccontano la loro esperienza di viaggio

Redazione ANSA Milano

Diciotto giorni di viaggio percorrendo 3.959 chilometri con la C5 Aircross 71° N Limited Edition per raggiungere Capo Nord. Un'impresa emozionante all'insegna dell'avventura quella che ha coinvolto dal 28 novembre al 15 dicembre Max Gionco e la sua compagna Chiara, viaggiatori per vocazione, entrambi già protagonisti - per Citroën - dell'Avventura Gialla, il viaggio a bordo di C4 Cactus che nel 2017 li portò da Milano a Pechino.

''È stato un viaggio emozionante che ci ha dato la possibilità di vedere paesaggi fantastici - hanno spiegato Max e Chiara, che fanno coppia anche nella vita - Consigliamo a tutti coloro i quali hanno un po' di tempo di fare un'esperienza simile. La cosa più bella? Lo spettacolo magnifico dell'aurora boreale alle isole Lofoten''.

Nella spedizione verso Capo Nord, altri personaggi hanno partecipato a singole tappe: prima Fabio Volo, scrittore e conduttore radio-televisivo, testimonial di Citroen e successivamente l'influencer Alberto Naska. Entrambi si sono uniti per un breve percorso a Max e Chiara condividendo con loro l'abitacolo della C5 Aircross 71° N, una versione di pre-lancio che è già stata ordinata in 51 esemplari e che, il 19 gennaio, lascerà il posto alla versione ufficiale di C5 Aircross per il suo debutto sul mercato italiano. La White Cruise, così è stata ribattezzata la spedizione Citroen al Polo Nord, era partita il 28 novembre da Milano ed è terminato in Norvegia, dopo aver attraversato Austria e Germania. Il suv ha affrontato la sfida verso i ghiacci garantendo al team in viaggio il massimo comfort ed elevati standard di sicurezza, soprattutto grazie al programma Advanced Comfort, introdotto su C4 Cactus, che consente un'esperienza a bordo comoda e rilassante grazie all'uso di sospensioni con smorzatori idraulici, all'acustica e ai sedili avvolgenti. L'assetto ben posizionato su ruote di grandi dimensioni (chiodate, per l'occasione), una distanza dal suolo di 23 cm e la posizione di guida rialzata sono inoltre elementi che hanno permesso all'equipaggio di godersi appieno la sensazione di dominare la strada. La prima tappa norvegese è stata la capitale, Oslo, le cui strade sono state percorse con grande agilità e nel massimo del comfort del suv Citroen. A seguire, C5 Aircross 71°N Limited Edition ha percorso il paesaggio dell'Oslofjorden, il fiordo di Oslo che si estende lungo 100 km, per poi affrontare un lungo tragitto verso l'entroterra, nel mezzo della spettacolare natura norvegese. Il viaggio è poi ripreso da Lillehammer, attraverso l'Atlantic Road, una delle strade più belle al mondo che si snoda tra le cittadine di Molde e Kristiansund, collegando una serie di isolotti con ponti spettacolari sospesi sull'oceano Atlantico. Dopo essersi imbarcata sul battello postale della Hurtigruten, C5 Aircross 71°N Limited Edition ha poi superato i 66°33'39" di latitudine nord, poggiando le sue gomme chiodate sul Circolo Polare Artico, con temperature che toccano i -16° e con neve incessante. Giunti sulla costa, gli esperti viaggiatori hanno attraversato le acque del Mare di Norvegia, alla volta delle Isole Lofoten, perle galleggianti caratterizzare da fiordi profondi e colonie di uccelli marini. Ad accoglierli, la più grande delle sorprese: l'aurora boreale con i suoi colori surreali che impediscono il buio totale della notte polare. Lasciate le isole Lofoten, il viaggio è proseguito verso nord lungo la E6, l'arteria stradale che collega nord e sud della penisola scandinava. In un giorno senza luce, l'equipaggio non ha rinunciato a una deviazione per salire su un piccolo motoscafo e attraversare le acque al largo di Skjerv›y dove un banco di aringhe ha attratto orche, megattere e balene, per uno spettacolo emozionante ma al contempo inquietante. Lasciata la E6, C5 Aircross 71°N Limited Edition ha imboccato la E69, la porta ufficiale verso Capo Nord. Dopo 3.959 km dalla partenza, Max e Chiara a bordo di Citroën C5 Aircross 71° N Limited Edition, hanno raggiunto la grande meta, posta a 71° 10' 21" di latitudine nord. Ad accoglierli, i venti sferzanti di Capo Nord e l'iconico monumento del Globo. Raggiunta la destinazione e archiviata un'esperienza unica che ha consentito di testare l'auto in condizioni meteo davvero estreme, i due hanno fatto dietrofront e, passando per la Finlandia, stavolta, hanno fatto il loro rientro in Italia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: