Maserati accende i riflettori sul valore del 'fuori serie'

In scena a Ginevra la creatività Zegna, Giorgetti e De Castelli

Redazione ANSA GINEVRA

Passione e competenza artigianale 100% italiane di scena allo stand Maserati nell'ambito della 89ma edizione del Salone dell'Auto di Ginevra, che apre oggi al pubblico. La Casa del Tridente ha infatti studiato un programma che prevede la possibilità di realizzare esemplari 'custom made' e che conta - come avviene con Zegna - sul contributo di eccellenze del Made in Italy.
Allo stand del Palexpo' ginevrino, oltre a quella del partner Zegna (che ha fatto debuttare i rivestimenti in Pelletessuta) altre due postazioni di lavoro offrono una panoramica delle possibilità di creare pezzi unici per l'arredamento interno. Un elemento centrale, questo, della strategia che va incontro alle esigenze di una clientela sempre più desiderosa di acquistare una Ghibli, una Quattroporte, un Levante, una GranTurismo o una GranCabrio 'tagliata su misura' esattamente come si fa per gli abiti sartoriali e gli accessori realizzati sui gusti dei clienti.
Il working table di Giorgetti - azienda della Brianza che vanta una tradizione ebanista da 120 anni ed è specializzata in interior design - è il tipico banco dell'artigiano del legno ed dell'ebanista. Attraverso i tre inserti plancia Quattroporte, Giorgetti racconta sui componenti Maserati il protagonismo del legno, la lavorazione prima meccanica e poi manuale, fatta di intaglio, tornitura, modellazione su tre delle dodici essenze lignee Giorgetti, frassino, noce canaletto e acero.
Sul tavolo si trova anche un pannello boiserie in frassino anticato con lavorazione Shibori, ispirazione per le due fasce plancia Quattroporte che accolgono il trattamento convertendolo in un trattamento micro-shibori, manieristico e di dettaglio su sezioni piazzate e all-over. Gli inserti plancia più piccoli hanno lo stesso trattamento dei più ampi elementi in plancia: essenze radica difrassino anticata e radica di Frassino naturale.
Infine i fogli di impiallacciatura completano il tavolo come elementi di ricerca stilistica dove Giorgetti e Maserati sperimentano con le essenze lignee che diventano grafismi paesaggistici nello ziricote o dinamismi materici con il tanaganika frisè.
Al Salone di Ginevra l'incontro tra l'eccellenza della veneta De Castelli (azienda che innesta in processi tipicamente industriali la matrice di un fare artigianale) nella lavorazione superficiale del metallo e l'interpretazione di Maserati di cogliere la 'metal poetry', la ricercatezza della lavorazione del metallo che applicata ai componenti interni principali della fascia plancia e della pedaliera nobilita l'abitacolo non solo formalmente, ma aggiungendo sensazioni e spunti legati ai colori del territorio italiano.
Quattro lamiere sul tavolo di De Castelli - azienda che ha anche contribuito all'arredamento dello stand Maserati - raccontano il processo di lavorazione, dalla lastra del materiale grezzo nella sua purezza si passa alla battitura manuale del metallo sulla forma della fascia plancia Quattroporte Maserati (elemento protagonista dell'abitacolo si presta a comunicare i passaggi cromatici e poetici della finitura DeMarea, scelta per queste opere d'arte).
Due ulteriori elementi raccontano le fasi di ossidazione e trasformazione superficiale dell'ottone dove sono mani e creatività decidono quando fermare il tempo ed il processo ed ottenere il gradiente DeMarea, definendo l'unicità di ogni particolare. Sul working table sono presenti anche una fascia plancia Quattroporte con finiture Ferro DeMarea, Rame DeMarea ed Ottone DeMarea.
La trilogia DeMarea racconta un unico processo fatto di ossidazioni manuali sovrapposte che creano effetti 'acquerellati'. Finiture che trasmettono sensazioni fortemente materiche e suggestioni che rimandano al passaggio delle onde sulle briccole di Venezia.
L'incontro De Castelli e Maserati trova espressione anche sulle pedaliere. Due le proposte: le ossidazioni manuali - con una chiave più sofisticata e dandy - del kit Rame DeMarea sono abbinate al pad in cuoio Saddle Extra concia vegetale ispirato alle suole delle scarpe 'su misura', mentre con una chiave più officina artistica - nel kit Ferro DeMarea sono brandizzate con loghi incisi Maserati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: