Sanremo: la testimonianza di Giovanna Botteri, ce la faremo

Chi ci segue da lontano ci vuole bene per come siamo

Redazione ANSA SANREMO

Giovanna Botteri racconta all'Ariston l'inizio della pandemia, quando un anno fa la Cina capì di essere in guerra, poi invita Amadeus a chiudere gli occhi e a immaginare "quello che c'è oltre la telecamera: vedi la gente, che è lì a guardarci con affetto, senti i cuori che battono e quel battito significa calore, affetto. Senti che chi ci segue da lontano ci vuole bene per come siamo, anche se siamo imperfetti, e questo ti dà la forza di non sentirti più solo, di capire che puoi farcela, devi farcela. E noi ce la faremo, sono sicura".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA