Almawave sostituisce password con la voce, più tutela dei dati

Accordo con società di Brno esperta di biometria vocale

Redazione ANSA MILANO

Utilizzare la voce come password per un riconoscimento più rapido e sicuro. E' quanto prevede l'accordo strategico siglato da Almawave, società quotata su Aim Italia e attiva nel settore dell'intelligenza artificiale, con Phonexia, società di Brno (Repubblica Ceca) specializzata in software e tecnologie biometriche vocali. La partnership, siglata attraverso la controllata PerVoice (spin-off della Fondazione Bruno Kessler acquisita nel 2013 da Almawave), prevede l'integrazione delle tecnologie di biometria vocale nelle piattaforme del gruppo (Audioma e Iride).

In pratica, le nuove tecnologie studiate dalla società ceca, che opera in sinergia con l'Università di Tecnologia di Brno, consentiranno di effettuare l'autenticazione al telefono, a un'app o a un servizio web, esprimendosi semplicemente con il linguaggio naturale, sostituendo di fatto l'utilizzo di password scritte. "L'accordo - si legge in una nota di Almawave - unisce funzionalità e sicurezza, consentendo di scongiurare frodi o accessi indesiderati da parte di hacker, e in generale di tutelare i dati più sensibili". Le soluzioni sono pensate in particolare per il settore bancario e finanziario ma potranno trovare applicazione in qualsiasi servizio rivolto al pubblico, ad esempio in ambito Healthcare. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: