Percorso:ANSA > Mare > Uomini e Mare > Ricercatori e studenti in barca a vela per scoprire fisica

Ricercatori e studenti in barca a vela per scoprire fisica

Al via nuovo tour Infn e Cern a bordo di Adriatica

27 aprile, 18:25
Adriatica, la barca dei' Velisti per caso' a Genova Adriatica, la barca dei' Velisti per caso' a Genova

(ANSA) - GENOVA, 27 APR - Un giro in barca vela per imparare la fisica che serve per andar per mare, scoprendo per esempio che la teoria della relatività serve a far funzionare il Gps, oppure che i raggi cosmici possono causare prolungati black out nelle trasmisisoni radio. E' l'opportunità offerta a centinaia di studenti italiani dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), in collaborazione con il Cern di Ginevra, a bordo di Adriatica, il veliero di 22 metri dei Velisti per caso.

Il tour di 'Fisica in barca', iniziativa di divulgazione scientifica nata nel 2005, parte quest'anno da Genova. Toccherà i porti di Civitavecchia (2-3 maggio), Napoli(6-7 maggio), Bari(14-16), Rimini (19-20), Trieste (23-24) e si concluderà in giugno a Cagliari (4-6 giugno) dove Adriatica approderà per la prima volta. A presentare oggi l'iniziativa, ospiti dello Yacht Club Italiano che ha messo a disposizione ormeggio e spazi per le attività didattiche, sono stati Uberto Dosselli, vicepresidente dell'Infn, Sandro Squarcia, direttore della sezione genovese dell'istituto e docente al dipartimento di Fisica dell'Universita', e Patrizio Roversi.

A terra, in ogni porto toccato, gli studenti precedentemente selezionati nelle scuole cittadine dai ricercatori dell'Infn, parteciperanno ad attivita' didattiche. Quelli che avranno superato in maniera piu' brillante il test, saliranno a bordo di Adriatica dove e' stato persino installato un rilevatore di particelle al silicio, per il trasferimento alla tappa successiva.

"La fisica è in ogni cosa - dice Dosselli - e l'Italia ha bisogno di cultura scientifica perché significa tecnologia e progresso". "Durante la navigazione - sottolinea Patrizio Roversi - gli studenti vedranno il ricercatore all'opera, scopriranno che si diverte, e magari, uno di loro un giorno dirà voglio diventare un fisico". Roversi quasi mostra soggezione nel ricordare che "proprio dal porticciolo Duca degli Abruzzi Marconi accese le luci oltreoceano".

Su Adriatica verranno fatti alcuni esperimenti. il Gps servirà ad introdurre gli studenti alla teoria della relatività generale di Einstein grazie al quale lo strumento è in grado di dire in ogni momento dove ci troviamo. Con il rilevatore di raggi cosmici realizzato dalla sezione Infn di Trieste, strumento che serve a studiare il flusso di particelle che arriva dallo spazio, i ragazzi eseguiranno vere e proprie aquisizioni di dati sia in porto che al largo. Si studierà il galleggiamento, l'aerodinamica della vela, il posizionamento sulla carta tramite la latitudine e la longitudine.

I licei vincitori per la prima tappa in partenza da Genova sono l'Istituto Tecnico statale Nautico San Giorgio di Genova, l'Istituto Tecnico Nauico Leon Pancaldo di Savona, il liceo Scientifico Cappellini Sauro di La Spezia, il Liceo scientifico Grassi di Savona, il Liceo Scientifico-classico-Linguistico Cassini di Sanremo. E sono di quest'ultima scuola i tre studenti selezionati per l'imbarco: due ragazze ed un ragazzo. (ANSA)

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati