Percorso:ANSA > Mare > Home

Porti:presidente Autorità Adriatico centrale,215 km di banchine

"Il 2017 è stato il primo anno di attività dell'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale. Una trasformazione non solo istituzionale, ma che ha segnato la nascita di un ente con una nuova mission, il compito sviluppare le potenzialità di tutti i sei scali di competenza: Pesaro, Falconara, Ancona, San Benedetto del Tronto, Pescara ed Ortona". Così in una nota il presidente dell'Autorità Rodolfo Giampieri.

Grandi navi: un algoritmo fermerà 'giganti' a Venezia

Grandi navi: un algoritmo fermer 'giganti' a Venezia

n algoritmo che valuterà la massa d'acqua spostata, l'altezza dalla linea di galleggiamento e l'uso o meno di nuovi propulsori, fermerà le 'grandi navi' che vogliono passare nel bacino di San Marco a Venezia.

Vela:parte da Ostia la nuova sfida per il record della traversata atlantica

Vela: Matteo Miceli

Parte dal porto turistico di Roma la nuova sfida di Matteo Miceli e Tullio Picciolini per il record di traversata atlantica, in doppio, su un catamarano sportivo. Saranno a bordo di "Tatanka", il 20 piedi che per la prima volta è stato rimesso in acqua nel porto di Ostia e che ha avuto subito a bordo, per un primo test, un prodiere d'eccezione, la pluricampionessa olimpica di windsurf, Alessandra Sensini.

Porti: Livorno, al via il potenziamento ferroviario

Ultimato il progetto dell'Autorità di sistema del mar Tirreno Settentrionale, con sede a Livorno, per potenziare il raccordo ferroviario nel porto commerciale.

Nasce Seatec Academy per la formazione nella nautica

CarraraFiere lancia Seatec Academy, per la formazione dedicata ai professionisti della nautica. Il debutto, con 4 seminari, è fissato in occasione dell'edizione 2018 di Seatec, la mostra della tecnologia, della componentistica, del design e della subfornitura applicate alla nautica da diporto, ideata a organizzata da IMM CarraraFiere, dal 5 al 7 aprile.

Porti: port factory e E-zone speciali in scali sardi

Infrastrutture, tecnologia, zone economiche speciali e port factory, con gli scali trasformati in vere e proprie sedi produttive connesse alle aree in regime di zona franca. Sono le linee guida del nuovo Piano operativo triennale approvato dal Comitato di gestione dell'Autorità di sistema portuale del mare di Sardegna.