Percorso:ANSA > Mare > Shipping e Cantieri > Fincantieri:Parigi 'ipervigile' su negoziati con Naval Group

Fincantieri:Parigi 'ipervigile' su negoziati con Naval Group

Fonti a media,report allarme? Gente che vuole affossare progetto

14 luglio, 20:23
Fincantieri:Parigi 'ipervigile' su negoziati con Naval Group Fincantieri:Parigi 'ipervigile' su negoziati con Naval Group

 La Francia è "iper-vigile" rispetto alle questioni di etica e conformità nei negoziati tra il gruppo italiano Fincantieri e Naval-Group: è quanto affermano fonti del ministero francese della Difesa citati dal giornale L'Usine Nouvelle. Secondo il sito de La Tribune, l'Agenzia per la diffusione dell'informazione tecnologica (Adit), una società di intelligence detenuta in parte dallo Stato, ha lanciato un avvertimento su Fincantieri, evocando in uno specifico rapporto fatti di presunta corruzione o presunti legami con organizzazioni criminali. Dallo scorso novembre, il leader europeo della cantieristica e Naval Group (Ex-Dcns) sono al lavoro per la creazione di un "gigante navale europeo". "Siamo molto vigili, facciamo attenzione, non siamo irresponsabili", affermano le fonti del ministero della Difesa di Parigi, evocando nell'indiscrezione del rapporto Adit una fuga di notizie di "gente che probabilmente vuole affossare il progetto". "Siamo iper-vigili su queste questioni di etica e conformità- insistono a Parigi - E' escluso che si metta il dito in un sistema che verrebbe a corrompere ciò che da anni facciamo di pulito e trasparente con Naval Group". E ancora, se il progetto franco-italiano dovesse concretizzarsi, avanzeremo "in ogni caso in modo estremamente progressivo e prudente, in modo da rendere il movimento reversibile, in ogni caso nei primi anni" di questa operazione. Un mese fa, durante una missione a Saint-Nazaire per il varo della nave da crociera MSC Bellissima, il ministro francese dell'Economia, Bruno Le Maire, parlò dell'accordo tra Fincantieri e Stx France (l'altro grande capitolo dell'intesa franco-italiana al fianco del dossier Naval Group) lanciando un messaggio rassicurante agli italiani. "Abbiamo concluso un accordo solido nell'interesse della Francia, dell'Italia, di Fincantieri e dell'Europa intera. Questo accordo strategico oltrepassa le piccole irritazioni politiche del momento, che sono passeggere". Un riferimento alla crisi tra Parigi e Roma sulla questione dei migranti. Le Maire sottolineò inoltre la sua "totale determinazione" per condurre "fino in fondo" il progetto. Parlando poco più tardi con la stampa, disse:Fincantieri? "Credo sia un buon accordo, permette di consolidare i cantieri e avere una taglia critica per far fronte ai rivali internazionali, in particolare, la Cina. I governi cambiano ma gli impegni degli Stati restano". "Oggi la sola incertezza è la posizione del governo italiano", aggiunse il ministro, senza fornire ulteriori dettagli sui motivi di questa incertezza. Duramente opposta al progetto è invece Marine Le Pen. "Il governo ha deciso di mantenere la vendita dei cantieri navali di Saint-Nazaire (Stx) agli italiani di Fincantieri. Il Rassemblement National esprime la sua più profonda opposizione a questa vendita per motivi di ordine strategico ed economico": ha scritto nei giorni scorsi in un tweet la leader del Rassemblement National (ex-Front National). 

Fincantieri definisce infondate le ricostruzioni apparse sulla stampa francese e con riferimento all'articolo "Fincantieri, un legame molto, molto pericoloso per Naval Group ?" il gruppo cantieristico "precisa che le notizie in esso contenute sono destituite di qualsiasi fondamento e di aver dato mandato ai propri legali per agire a tutela della propria immagine ed onorabilità in tutte le sedi civili e penali"

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: