Percorso:ANSA > Mare > Porti e Logistica > Porti: crolla traffico merci a Cagliari, allarme Cisl

Porti: crolla traffico merci a Cagliari, allarme Cisl

Aziende in crisi e lavoratori senza stipendio pronti a sciopero

22 marzo, 14:25
Porto Cagliari veduta dall'alto via Roma Porto Cagliari veduta dall'alto via Roma

(ANSA) - CAGLIARI, 22 MAR - Niente stipendio a gennaio e febbraio per i 16 lavoratori della CTS srl e Cassa Integrazione che volge al termine per i 64 lavoratori della ITERC srl, imprese portuali indirette che operano a terra e a bordo delle navi container nel porto industriale di Cagliari. Gli operatori sono pronti ad incrociare le braccia anche dopo le ultime comunicazioni avute dalle due aziende e in particolare dalla CTS srl che sarebbe pronta a chiudere. I sindacati sono preoccupati: "Ci hanno tenuti buoni per mesi con grandi promesse. Anche il ministro Toninelli, a Cagliari per la consueta 'passerella elettorale', ci aveva rassicurato che sarebbe intervenuto personalmente con il gruppo Contship Italia a cui fa capo la CICT, concessionario del terminal - dice il segretario regionale della Cisl Trasporti Corrado Pani - Intanto i container continuano a diminuire e un'altra delle poche linee rimaste la MGX non fa scalo nel porto cagliaritano da più di un mese con un ulteriore perdita di circa 1200 container/mese". "Sulla drammatica vertenza del Porto canale di Cagliari e delle 400 famiglie di lavoratori che vi operano tra diretti, indiretti e indotto è giunto il momento che tutti si assumano le proprie responsabilità ed alzino la testa e la voce contro chi ha causato questo scempio - aggiunge il sindacalista - È necessario impedire una volta per tutte che il Terminal diventi una delle tante incompiute cattedrali nel deserto e scongiurare il grave pericolo che si verifichi l'ennesimo scippo ai danni della Sardegna e dei Sardi che ci lavorano, sottraendo loro dignità e futuro. È giunto il momento che dalle istituzioni si pretendano delle risposte chiare nei tavoli che contano. Non ci sono più alibi, la campagna elettorale è terminata e chi ha vinto si assuma l'onere di convocare tutte le parti perché nell'agenda politica le sorti del Terminal Container hanno priorità assoluta", conclude Pani.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: