Coronavirus: von der Leyen, 'Sì a massima flessibilità sul Patto. Daremo a Italia tutto quello che chiede '

Gentiloni, allargate regole Ue, ora Stati saranno più liberi

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Massima flessibilità" nell'applicazione del Patto di Stabilità e per gli aiuti di Stato destinati a far fronte alle conseguenze del Coronavirus. E' quanto assicurato oggi dalla presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen.

"Siamo pronti ad aiutare l'Italia con tutto quello di cui ha bisogno, in questo momento è colpita severamente dal virus, sosteniamo tutto quello di cui ha bisogno e tutto quello che chiederà. Il prossimo potrebbe essere un altro Stato membro", ha aggiunto von der Leyen.

"Alcuni controlli possono essere giustificati - ha affermato -, ma un divieto generale di viaggio non è considerato efficace dall'Oms e ha un impatto sociale ed economico notevole, oltre a sconvolgere la vita delle imprese e delle persone. Le misure adottate devono essere proporzionate".

Nella comunicazione di Bruxelles sulla flessibilità del Patto di Stabilità, si legge che "la Commissione Ue è pronta a proporre al Consiglio di attivare la clausola di crisi per accomodare un sostegno fiscale più generale. Questa clausola - in cooperazione col Consiglio - sospenderà gli aggiustamenti di bilancio raccomandati dal Consiglio in caso di recessione severa della zona euro e della Ue".

"Ogni misura 'una tantum' sulla spesa, decisa in relazione alla risposta alla pandemia, sarà esclusa per definizione dal computo del deficit strutturale e non ne sarà tenuto conto quando si valuterà la conformità con lo sforzo fiscale richiesto nell'ambito delle regole esistenti. Inoltre, la Commissione Ue valuterà ogni possibile richiesta sotto la 'clausola eventi imprevisti', usando il massimo della flessibilità" delle regole Ue", hanno scritto i commissari Dombrovskis e Gentiloni in una lettera al ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri.

"Si allargano le regole in tanti settori, consentendo agli Stati interventi straordinari", ha detto il commissario Ue Paolo Gentiloni commentando la comunicazione Ue. "E' importante che tutti gli italiani sentano che la Ue prende decisioni utili", la comunicazione di oggi mette "tutti gli Stati in condizione di fare le loro scelte di bilancio, di sostegno alle imprese in difficoltà, di riduzione dei rischio occupazionali, di sostegno al sistema sanitario, di prendere tutte le decisioni necessarie", ha aggiunto. "Credo sia utile sapere che le decisioni prese oggi non saranno le ultime della Commissione su questa emergenza", ha quindi spiegato il commissario agli affari economici, sottolineando che "noi italiani sappiamo che nelle ultime settimane le decisioni sono state prese in occasioni successive, perché bisogna adattarsi ad una realtà che si evolve". "L'Italia ha dato l'esempio che molti altri Paesi stanno seguendo e credo che questo debba farci sentire orgogliosi".

"Per prevenire uno scenario più negativo" per l'economia "il nostro obiettivo ora deve essere di garantire che le aziende abbiano liquidità di cui hanno bisogno per resistere ad uno shock e che i lavoratori, anche quelli autonomi, siano protetti, in Italia e in tutti gli altri Paesi interessati. Proprio come altri stati membri stanno adottando forti misure preventive per contenere il Coronavirus, prenderemo misure per contenere le conseguenze economiche", ha detto all'ANSA il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis.

Per fare fronte alle conseguenze del Coronavirus la Commissione Ue è pronta anche a dare il via libera agli aiuti di Stato anche in 24 ore, ha assicurato la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager citando l'esempio di quanto fatto ieri nei confronti della Danimarca. Inoltre, ha detto Vestager, "stiamo lavorando su un nuovo quadro per orientare governi su come usare gli aiuti di Stato per contribuire a stabilizzare l'economia". Bruxelles, ha spiegato, ha ricevuto mercoledì dalla Danimarca la prima notifica per stanziare aiuti di Stato per risarcire le aziende che hanno annullato eventi con più di mille persone. "Abbiamo dato il via libera in 24 ore e faremo lo stesso, con la stessa velocità, per qualunque Paese Ue che voglia introdurre regimi di risarcimento alle aziende per i danni causati dal coronavirus". "Già 9 Paesi hanno attuato regimi per dare liquidità alle aziende - ha proseguito la comissaria - lavoreremo con gli altri che vogliano fare lo stesso o aumentare la dotazione dei regimi esistenti". Con le nuove disposizioni, ha detto ancora Vestager, "le aziende che hanno avuto aiuti di Stato negli ultimi dieci anni potranno essere candidabili a ricevere un nuovo sostegno in questa situazione eccezionale".

Bruxelles ha inoltre "pronta una normativa per aiutare i governi affinché possano far sì che le banche abbiano adeguata liquidità e facciano credito ai clienti", perché "la capacità della nostra economia di affrontare con successo questa crisi dipenderà anche dalle banche e dalla loro disponibilità e prestare denaro".

E sale da 25 a 37 miliardi la portata dell'Iniziativa europea per rispondere alla crisi del coronavirus. Non si tratta di nuove risorse, ma di un sostanziale riassesto dei programmi esistenti nel quadro della politica di coesione, a cui si aggiunge un'iniezione di liquidità da quasi 8 miliardi ricavata da un intervento sui prefinanziamenti dei programmi stessi. Così l'Italia potrà ottenere 853 milioni di euro - che rischiava di perdere - e sbloccare altri 10,5 miliardi, per un totale di oltre 11 miliardi.

Nei giorni scorsi la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, aveva preannunciato l'iniziativa parlando di 25 miliardi, ma i nuovi calcoli dei tecnici hanno permesso di alzare l'asticella a 37. Sarà possibile certificare alla Commissione tutte le spese effettuate a partire dal primo febbraio in particolare per l'acquisto di materiale sanitario, supporto alle Pmi e all'occupazione. Inoltre, l'esecutivo propone d'inserire anche la risposta a crisi sanitarie fra i motivi per i quali è possibile attivare il Fondo Ue di solidarietà, finora riservato alle catastrofi naturali. Per il 2020 sono disponibili oltre 800 milioni. La Commissione ha chiesto ai Paesi e al Parlamento europeo di approvare le modifiche richieste entro due settimane, raccogliendo subito la disponibilità degli europarlamentari.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: