Virus Cina: Ue, domani riunione, seguiamo sviluppi

Per analizzare le nuove valutazioni del centro europeo malattie

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Stiamo seguendo la situazione" del virus cinese "in contatto col Centro europeo di controllo e prevenzione delle malattie (Ecdc). Una riunione con gli Stati membri c'è già stata il 17 gennaio e ne è stata convocata una per domani, dopo una nuova valutazione del Centro". Così un portavoce della Commissione europea. "L'organizzazione mondiale della sanità non ha raccomandato restrizioni sui viaggi, e anche il comitato d'urgenza dell'Oms si riunirà domani".

Nella riunione di domani Commissione e Stati membri discuteranno l'aggiornamento del primo rapporto dell'Ecdc sul nuovo virus, dello stesso gruppo di quello della Sars, alla luce della prova che è trasmissibile tra esseri umani. Dalla prima segnalazione a Wuhan City in Cina il 31 dicembre 2020, il virus è ritenuto responsabile della morte di almeno 3 persone e dell'infezione di oltre 200. Fino a ieri la probabile e unica fonte dell'infezione veniva indicata nel mercato all'ingrosso di pesce della città, chiuso il primo gennaio. Anche i casi isolati rilevati in Giappone, Sud Corea e Tailandia erano stati messi in relazione alla visita allo stesso mercato o alla città.

Ieri però è arrivata la prova che il patogeno è trasmissibile da uomo a uomo, con alcuni esperti che ipotizzano oltre 1.700 persone infette. Negli Stati Uniti il 17 gennaio gli aeroporti di New York, San Francisco e Los Angeles hanno annunciato controlli speciali sui passeggeri che arrivano con voli diretti da Wuhan City. In Europa, Roma, Parigi e Londra sono gli unici tre scali con voli diretti dalla città. Domani l'Organizzazione mondiale della sanità terrà un incontro per determinare se il virus è una "emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: