Europee: Pe, multe a partiti che violano privacy

La proposta passata oggi in commissione affari costituzionali

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Multe ai partiti politici e alle fondazioni che violano la direttiva sulla protezione dei dati personali per influenzare il risultato delle elezioni europee: è la proposta contenuta in una relazione che la commissione per gli affari costituzionali del Parlamento europeo ha adottato oggi all'unanimità. Il testo, di cui è correlatrice l'eurodeputata Pd Mercedes Bresso, punta a proteggere il voto di maggio dalle campagne di disinformazione online basate su un uso illecito dei dati personali. Quando un'autorità nazionale di vigilanza stabilisce che le norme sulla privacy vengono violate in modo deliberato - questo il contenuto della proposta - l'Authority per i partiti politici e le fondazioni europee dovrebbe esprimersi in merito a una sanzione finanziaria. Dopo il voto di oggi in commissione, la palla passa alla plenaria che dovrà approvare il mandato per i negoziati inter-istituzionali. 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."