Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Le previsioni Ue: ripresa Italia accelera nel 2017, poi rallenta

Le previsioni Ue: ripresa Italia accelera nel 2017, poi rallenta

Pil sale a 1,5%, cala nel 2018 a 1,3% e nel 2019 a 1%

09 novembre, 16:54
Pierre Moscovici Pierre Moscovici

"La ripresa economica in Italia accelera nel 2017 grazie alla domanda esterna e domestica, ma i venti di coda in rallentamento e le più basse prospettive di crescita nel medio periodo modereranno la crescita" nei prossimi due anni. Lo scrive la Commissione Ue nelle previsioni economiche d'autunno, che rivedono al rialzo il pil 2017 a 1,5% (da 0,9% previsto a maggio) e quello 2018 a 1,3% (da 0,9%). Il rallentamento però prosegue nel 2019, col pil fermo a 1%.

Dal Mef spiegano: la Commissione Ue "riconosce all'Italia una ripresa sostenuta e conti in miglioramento con calo del debito". "Per l'Italia la Commissione conferma le stime del Governo relative alla crescita economica del 2017 (+1,5%), mentre ha stime inferiori per il 2018 (1,3% secondo la Commissione, 1,5% secondo il Governo). Una divergenza che si è verificata sistematicamente negli ultimi anni, durante i quali le previsioni del Governo si sono rivelate sempre più affidabili, benché prudenti".

Insomma - spiega il Mef - lo stato delle finanze pubbliche "viene riconosciuto in miglioramento, con il deficit che scende al 2,1% nel 2017. Il deficit scenderà anche nel 2018: fino all'1,8% secondo la Commissione, mentre nella stima del Governo italiano il deficit scenderà all'1,6%". Divergono anche le stime sulla riduzione del debito. Questo "dipende dalla differenza nella stima della crescita del Pil reale e dalla diversa stima dell'inflazione (e di conseguenza della crescita nominale: è infatti sul Pil nominale che si calcola il rapporto con il deficit).


L'Italia per l'Ue resta ultima in Europa sulla crescita per tutto il nuovo periodo coperto dalle previsioni della Commissione Ue, cioè 2017, 2018 e 2019. Solo il Regno Unito, che però viene per la prima volta escluso dalla tabella Ue-28, ha un andamento del pil quasi uguale a quello italiano. E' Malta invece il Paese europeo che cresce di più: +5,6% nel 2017, +4,9% nel 2018 e +4,1% nel 2019.

L'economia dell'eurozona crescerà nel 2017 "con il suo ritmo più veloce da un decennio" arrivando a un Pil del 2,2%, con un revisione al rialzo di un +0,5% rispetto alle stime di maggio che lo davano all'1,7%. Il Pil dell'eurozona è rivisto al rialzo anche per il futuro, con un 2,1% nel 2018 (precedenti previsioni all'1,8%) e all'1,9% nel 2019. Per l'Ue a 27 (già esclusa dalle stime la Gran Bretagna per la Brexit), il Pil è a 2,4% per il 2017, 2,2% per il 2018 e 2% per il 2019.

La Commissione Ue rivede al ribasso le stime sul deficit italiano: nel 2017 scende a 2,1% (dal 2,2% previsto a maggio), nel 2018 a 1,8% (dal 2,3% di maggio), "grazie ad una crescita più alta" e ad alcune misure come spending review, scontrino elettronico obbligatorio. Nel 2019, a politiche invariate, torna al 2%. Il deficit strutturale invece peggiora "leggermente" nel 2017 (2,1% invece del 2% previsto a maggio), e migliora solo "marginalmente" nel 2018 (2%).

"I recenti interventi del Governo per affrontare i rischi acuti nelle banche deboli può aiutare a sbloccare il credito e ridurre ulteriormente i rischi al ribasso, mentre ci si attende che le riforme strutturali sollevino la crescita potenziale", scrive la Commissione Ue.

La disoccupazione nell'eurozona per il 2017 sarà al 9,1%, "il livello più basso dal 2009", mentre il numero di occupati raggiunge "un picco record", con una crescita dell'1,5%. Così le previsioni economiche d'autunno della Commissione Ue. La disoccupazione scenderà ulteriormente nel 2018 a 8,5% e nel 2019 a 7,9%. Nei 28 il tasso di disoccupazione è previsto al 7,8% per quest'anno, al 7,3% per il prossimo e al 7% nel 2019.

Bruxelles rivede leggermente al ribasso le stime della disoccupazione in Italia: nel 2017 si assesta a 11,3% (invece dell'11,5% previsto a maggio), per poi scendere a 10,9% nel 2018 e a 10,5% nel 2019. L'occupazione invece "rallenta a 1% nel 2017" dopo "il phasing-out degli sgravi per le assunzioni", a 0,9% nel 2018 e 0,5% nel 2019. I nuovi incentivi del bilancio 2018 per le assunzioni dei giovani "sosterranno" l'occupazione. Ma lo sviluppo del mercato del lavoro "sarà in linea con l'attività economica".

I rischi per l'economia europea "sono ampiamente bilanciati", ma "i principali rischi al ribasso sono esterni e legati alle tensioni geopolitiche" come nella Penisola coreana, l'estensione di politiche protezionistiche e l'aggiustamento economico in Cina. All'interno dell'Ue, invece, i rischi al ribasso sono "legati all'esito dei negoziati sulla Brexit", a un forte apprezzamento dell'euro e a tassi d'interesse più elevati sul lungo periodo.

L'inflazione in Italia, "dopo tre anni vicina allo zero", salirà a +1,4% nel 2017 per poi calare all'1,2% nel 2018. Lo scrive la Commissione Ue nelle previsioni economiche.


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA