Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Pesca: Castiglione, Italia capofila su strategia Mediterraneo

Pesca: Castiglione, Italia capofila su strategia Mediterraneo

Pieno sostegno a commissario Vella su impegno per Mare Nostrum

28 aprile, 09:52
Pesca: Castiglione, Italia capofila su strategia Mediterraneo Pesca: Castiglione, Italia capofila su strategia Mediterraneo

BRUXELLES - L'Italia é capofila in Europa nell'impegno di realizzare una strategia per migliorare lo stato delle risorse di pesca nel Mediterraneo che sia economicamente e socialmente sostenibile per le sue marinerie. La strada che suggerisce di seguire implica il varo di programmi pluriennali di pesca basati sulle migliori conoscenze scientifiche, da aggiornare con continuità e su cui applicare controlli accurati e continue verifiche, oltre al ricorso alle più moderne tecnologie per le ispezioni in mare e nei porti". In questi termini il sottosegretario alla pesca Giuseppe Castiglione ha esortato oggi i ministri della pesca del Mediterraneo, riuniti a Bruxelles su iniziativa del commissario Ue alla pesca Karmenu Vella, a "darsi regole comuni e condivise per la difesa delle risorse biologiche e della biodiversità nel Mediterraneo senza intaccare il valore sociale ed economico della pesca".

 

Così, a pochi mesi dalla Conferenza di Catania sul miglioramento degli stock del Mare Nostrum, Castiglione ha tenuto a ringraziare il commissario "per aver deciso di fare diventare una priorità politica quell'obiettivo". L'Italia ha assicurato a Vella "il suo pieno supporto" per giungere nel 2017 alla sottoscrizione di una nuova ambiziosa dichiarazione ministeriale sulla pesca nel Mediterraneo, dopo quella del 2003 a Venezia. A questo scopo L'Italia si sta muovendo "con la revisione dei piani nazionali di gestione della pesca per adeguarli alla nuova politica europea del settore. Proseguirà con l'arresto temporaneo dell'attività per la pesca a strascico, per poi attuare un nuovo programma di riduzione della flotta in linea con la disponibilità delle risorse ittiche". Ai colleghi di Francia, Grecia, Cipro, Malta, Albania e Algeria presenti ai lavori, il sottosegretario ha chiesto di decidere insieme politiche appropriate "a cui tutti ha devono contribuire: a livello locale, regionale tra Stati membri, o con Paesi terzi". La complessità dell'obiettivo - ha concluso Castiglione, non deve essere un alibi nè un ostacolo, ma uno stimolo a fare meglio".

 


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA