Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Corrao (M5S), Commissione Ue indaghi su riforma forense

Corrao (M5S), Commissione Ue indaghi su riforma forense

28 aprile, 15:19
(ANSA) - STRASBURGO, 28 APR - "I giovani avvocati sono sempre più sottoposti ad un vero salasso. Il regolamento per rimanere iscritti all'albo impone otto regole, tutte basate su criteri economici. La Commissione valuti se l'Italia stia violando il divieto di discriminazione fondata sul patrimonio, stabilito dall'Unione Europea". L'eurodeputato M5S Ignazio Corrao, in attesa della risposta alla prima interrogazione sulla riforma della cassa forense, torna ad incalzare l'esecutivo europeo, rilanciando con un'altra denuncia. "Ai sensi dell'art 2 comma 2 del nuovo regolamento, per rimanere iscritto all'Albo - spiega Corrao - l'avvocato deve dimostrare la congiunta sussistenza di requisiti tra cui quello di aver corrisposto i contributi annuali dovuti alla Cassa di Previdenza Forense e i contributi dovuti al Consiglio dell'Ordine, di avere l'uso di locali destinati allo svolgimento professionale e di aver acquistato una polizza assicurativa a copertura della responsabilità civile: condizioni di natura esclusivamente economica, in palese violazione anche con il principio di uguaglianza previsto dalla nostra Costituzione. Secondo questa normativa, l'operato dell'avvocato, ogni tre anni, sarà sottoposto al controllo del Consiglio dell'Ordine Circondariale, che dovrà valuterà la sussistenza di tutti gli otto requisiti. Se uno di questi non viene rispettato, l'avvocato verrà cancellato dall'Albo.

L'avvocato - conclude Corrao - per poter stare sul mercato intanto deve pagare e anche molto. Solo dopo aver dimostrato una certa capacità patrimoniale, potrà avere la possibilità di affermarsi come professionista". (ANSA).


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA