Turchia: Austria, cancellare processo adesione a Ue

Dopo il congelamento degli ultimi anni ora fare il passo formale

Redazione ANSA

LUSSEMBURGO - "E' un'ironia che si stia discutendo di sanzioni e misure come l'embargo di armi contro un Paese che è formalmente impegnato nel dialogo di adesione con l'Ue. Come austriaci pensiamo che questi negoziati per l'adesione, che abbiamo congelato in questi ultimi due o tre anni, grazie al nostro governo, sia ora cancellato formalmente". Così il ministro degli Esteri austriaco Alexander Schallenberg arrivando al Consiglio Ue a Lussemburgo.

"Non dobbiamo permettere che la Turchia ci ricatti in alcun modo. In passato ci sono sempre state dichiarazioni in questo senso da parte di Erdogan e altri rappresentanti del governo, ma penso che l'accordo sulla migrazione con la Turchia sia ancora in forza e per farlo stanno ricevendo fondi", afferma Schallenberg. "Il passaggio fondamentale ora è l'embargo delle armi. Noi austriaci pensiamo che ci debba essere un embargo della Ue, o altrimenti un embargo congiunto di tutti gli Stati membri. Penso che questo invierebbe un chiaro segnale dall'Unione, ma anche dai membri della Nato al loro partner dell'Alleanza, la Turchia", evidenzia.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: