Puglia, truffa a fondi Ue: sequestro da quasi 1 milione di euro

A 5 indagati divieto di fare contratti con pubblica amministrazione

Redazione ANSA FOGGIA

FOGGIA - Hanno presentato falsi preventivi per l'acquisto di tre macchinari per la lavorazione degli asparagi, percependo indebitamente fondi europei 'Feasr' per lo sviluppo rurale, erogati dalla Regione Puglia. Per questo, con l'accusa di truffa aggravata, la Guardia di Finanza di Foggia, con la Procura dauna e l'Ufficio europeo antifrode 'Olaf', ha eseguito nei confronti di 5 persone (4 foggiani e un barese) una misura interdittiva del Gip che vieta contratti con la pubblica amministrazione per un anno. Si tratta del titolare e dei rappresentati legali di due imprese agricole foggiane, dell'amministratore di una società bulgara e di un tecnico abilitato. Ai 5 indagati sono stati sequestrati beni per 873mila euro.

Al centro dell'inchiesta, una impresa agricola di Manfredonia che a giugno 2015 ha presentato una domanda di aiuto per l'acquisto dei tre macchinari, alla Regione Puglia, che in ottobre ha concesse il contributo da 873mila euro. A sua volta, l'azienda ha affidato la fornitura dell'attrezzatura a due aziende bulgare riconducibili, secondo le indagini Gdf, a uno degli indagati. Inoltre nel 2018 gli investigatori di 'Olaf', dopo una ispezione nell'azienda beneficiaria del contributo, hanno accertato che i macchinari erano obsoleti e con il numero del telaio abraso. Controlli analoghi sono stati compiuti anche nella sede delle società bulgare fornitrici dei macchinari e lì è emerso che le società non avevano personale alle proprie dipendenze, né una struttura amministrativa.

"Il Movimento 5 Stelle ringrazia gli uomini della Guardia di Finanza e della Procura di Foggia per l'operazione che ha scoperto la maxi-truffa sui fondi europei. Lo sviluppo del Sud Italia passa attraverso una più incisiva aggressione alle illegalità che erodono risorse ed energie all'economia sana dei nostri territori", ha commentato in una nota l'europarlamentare del M5S, Mario Furore. "Gli sforzi delle forze dell'ordine sono lodevoli e portano frutti, come dimostra questa inchiesta coordinata dal Procuratore Vaccaro - ha aggiunto Furore - gli enti locali italiani hanno purtroppo il record europeo di sprechi, ritardi e frodi. Noi vogliamo invertire questo circolo vizioso e far rifiorire il Sud Italia anche grazie ai fondi europei".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."