Toscana, lavori su ciclabile Vaiano con sostegno fondi Ue

Sopralluogo assessore Ceccarelli a cantiere, tassello importante

Redazione ANSA

FIRENZE - A Vaiano procedono a pieno ritmo i lavori per la realizzazione del nuovo ponte di Camino e del collegamento ciclabile Prato-Vaiano. E stamani il cantiere ha ricevuto la visita per un sopralluogo dell'assessore regionale Vincenzo Ceccarelli, accompagnato dal sindaco di Vaiano Primo Bosi e dal sindaco di Prato Matteo Biffoni. I lavori, partiti a fine luglio, sono adesso concentrati sull'alveo del Bisenzio e sugli argini, a Camino, dove vengono realizzati il basamento e i pilastri necessari a sorreggere il manufatto d'acciaio della passerella.

L'investimento è importante: circa 1 milione di euro che serviranno a ricongiungere e riqualificare l'intero percorso della variante, con il contributo essenziale della Regione, attraverso la misura Por Fesr 2014-2020, di 590 mila euro. Le altre risorse sono impegnate direttamente dal Comune di Vaiano, circa 350 mila euro, e da quello di Prato, 80 mila euro.

"I lavori consentono il ripristino della pista ciclo-pedonale esistente che collega i Comuni di Vaiano e Prato, un pezzo importante della rete metropolitana e interregionale - spiega Ceccarelli -. Il percorso della Val di Bisenzio è anche futura parte integrativa della ciclopista del Sole, che collega Verona, Bologna e Firenze e si inserisce in un quadro di sviluppo delle piste della piana - tutte in fase di progettazione o realizzazione - su cui la Regione sta investendo con convinzione, mettendo sul piatto 14 milioni di euro. Un anello importante questo di Vaiano, se si pensa che si collega anche con la ciclopista Prato-Firenze, già finanziata e in fase di progettazione da parte della Città metropolitana, e attraverso di essa alla costruenda ciclopista dell'Arno, rappresentando in questo modo un asset fondamentale per la promozione turistica".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."