Acqua: progetto Ue da 4 milioni per contatori intelligenti

Capofila Vivereacqua, consorzio 12 gestori Veneto e Friuli Venezia-Giulia

Redazione ANSA

VENEZIA - Parte da Bruxelles la seconda fase del progetto europeo da oltre 4 milioni di euro con la regia di Viveracqua per la realizzazione di contatori intelligenti. A Bruxelles, Viveracqua ha incontrato i rappresentanti delle 6 società europee che gestiscono sistemi acquedottistici, tutte completamente a capitale pubblico, partner del progetto e i quattro fornitori per il cosiddetto "kick off meeting". "Siamo soddisfatti dell'andamento del progetto Smart.Met - spiega Fabio Trolese, presidente di Viveracqua -. La dimensione europea è fondamentale per lavorare su grandi temi che non potremmo affrontare solo con le nostre forze".

Smart.Met permetterà di portare nelle case e nelle aziende contatori intelligenti in grado di trasmettere e ricevere informazioni in tempo reale, aumentando quindi l'automazione e l'efficienza dei processi e riducendo costi, perdite e sprechi". Smart.Met prevede una spesa di circa 4,3 milioni di euro, ed è finanziato per il 90% dall'Ue. La prima fase del progetto si era conclusa con l'individuazione delle 4 aziende europee incaricate della ricerca e progettazione delle soluzioni tecnologiche. Fino ad aprile 2020 i fornitori svilupperanno i prototipi e le funzionalità dei vari componenti: contatore, infrastruttura di comunicazione e sistemi di controllo. La fase finale sarà tra luglio 2020 e maggio 2021 con la sperimentazione sul campo delle soluzioni proposte.

I contatori intelligenti potranno inoltre ridurre gli sprechi con l' impostazione di allarmi per rilevare perdite e consentire una risposta rapida, segnalando modelli di prelievo insoliti che potrebbero essere collegati a problemi nella rete. Tutti questi fattori contribuiscono a ridurre il consumo di acqua e il livello di sprechi, con effetti positivi per gli utenti, per i gestori e per l'ambiente. Viveracqua è la società consortile tra 12 gestori del servizio idrico integrato (acquedotto, fognature e depurazione) a totale proprietà pubblica di Veneto e Friuli Venezia-Giulia è stata creata nel 2011 ed è formata da Veritas, Acque Veronesi, Etra, Viacqua, Acquevenete, Alto Trevigiano Servizi, Piave Servizi, Livenza Tagliamento Acque, Bim Gestione Servizi Pubblici, Azienda Gardesana Servizi, Acque del Chiampo e Medio Chiampo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."