Sicilia, fondi Ue per reti elettriche 'smart'

Finanziati 13 progetti per un importo di 80 milioni di euro

Redazione ANSA PALERMO

PALERMO - Ottanta milioni di euro per le Smart Grids in Sicilia. Tredici progetti sulle reti elettriche intelligenti sono stati finanziati nell'Isola con le risorse del Piano operativo del Fondo europeo per lo sviluppo regionale (Fesr) Sicilia 2014-2020. Si tratta di aiuti per investimenti nelle infrastrutture energetiche, erogati nell'ambito dell'Azione 4.3.1 del Programma Operativo, che prevede la "Realizzazione di reti intelligenti di distribuzione dell'energia (smart grids) e interventi sulle reti di trasmissione strettamente complementari e volti ad incrementare direttamente la distribuzione di energia prodotta da fonti rinnovabili". Gli interventi sulle smart grids rientrano nell'Asse 4 'Energia sostenibile' del PO FESR Sicilia, e riguardano sia la rete di distribuzione che quella di trasmissione dell'energia elettrica. Ad erogare i finanziamenti è il Dipartimento regionale Energia, Centro di responsabilità dell'Azione 4.3.1 del Programma Operativo. Per la rete di distribuzione sono undici progetti di E-distribuzione Spa (gestore della rete di distribuzione dell'energia a bassa e media tensione), per un contributo di oltre 43 milioni e 290mila euro, che riguardano i territori di Naro, Troina, Augusta, Barrafranca, Comiso, Dirillo, Licata, Santa Ninfa, Francofonte, Guadalami e San Carlo.

Per la rete di trasmissione sono state concesse le anticipazioni del 40% dei finanziamenti per due interventi presentati da Terna spa (gestore unico della rete di trasmissione italiana in alta tensione), "Stazione elettrica Vizzini (CT)" e "Direttrice Partinico (PA) - Partanna (TP)", per un contributo di oltre 36 milioni e 240mila euro. Un altro progetto localizzato nel Catanese, "Direttrice San Cono-Paternò (CT)" è stato finanziato direttamente dal MISE, per un importo di oltre 7 milioni e 570mila euro.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."