Commissario Francia passa di misura primo scoglio a Eurocamera

S&D denuncia, primo ok a Breton è 'colpa delle destre'

Redazione ANSA

BRUXELLES - La commissione Affari giuridici dell'Eurocamera, riunita per valutare i possibili conflitti di interesse dei commissari designati, ha dato il via libera alle audizioni dei candidati di Francia, Romania e Ungheria, in programma il 14 di fronte alle commissioni compenti. Lo riferiscono più fonti all'Eurocamera. Il francese Thierry Breton, candidato commissario per il Mercato interno, è passato di misura con 12 sì e 11 contrari. Hanno avuto il via libera all'unanimità la romena Adina Valean e l'ungherese Oliver Varhelyi. 

"La commissione Affari giuridici ha dato il via libera alle audizioni dei tre commissari designati" di Francia, Ungheria e Romania che si terranno "il 14 novembre". Lo rende noto in un tweet Jaume Duch, direttore generale della comunicazione e portavoce del Parlamento europeo. "L'audizione di Varhelyi si terrà tra le 8 e le 11 nella commissione Affari esteri, quella di Valean tra le 13 e le 16 nella commissione Trasporti e quella di Breton tra le 13 e le 16 di fronte alle commissioni Mercato interno e industria". Il francese Thierry Breton è candidato commissario al Mercato interno con deleghe all'Industria e alla Difesa, la romena Adina Valean è candidata commissaria ai Trasporti, mentre l'ungherese Oliver Varhelyi sarà responsabile per la Politica di vicinato e l'Allargamento. 

Gli eurodeputati S&D hanno espresso il loro disappunto dopo il via libera della commissione Affari giuridici (Juri) dell'Eurocamera all'audizione del commissario designato della Francia Thierry Breton, "grazie al sostegno dei gruppi politici di destra" nel Parlamento Ue, "liberali e Conservatori". La decisione della Juri, sottolinea il gruppo, permetterà a Breton di essere ascoltato in audizione alle commissioni competenti "senza che gli vengano poste ulteriori domande sui proventi della vendita delle sue azioni" nella società Atos.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."