Bocciatura Goulard, primo totonomi su possibile successore

Su Le Figaro una prima lista. 'Macron umiliato cerca successore'

Redazione ANSA

PARIGI - Il quotidiano Le Figaro avanza oggi un primo totonomi sul futuro commissario francese dopo la clamorosa bocciatura di Sylvie Goulard nell'audizione di ieri al Parlamento europeo. "Umiliato dagli eurodeputati", Macron deve trovare un altro candidato alla Commissione europea", scrive il giornale citando, tra gli altri, Clément Beaune, il giovane e molto discreto consigliere per Europa e G20 dell'Eliseo, ma anche l'attuale segretaria di Stato agli Affari europei, Amélie de Montchalin. In passato, aggiunge il giornale, vennero avanzati i nomi degli attuali ministri dell'Esercito e dell'Economia, Florence Parly e Bruno Le Maire, i due fecero rapidamente sapere di non essere interessati all'incarico a Bruxelles, ma ora questa ipotesi potrebbe tornare di attualità.

Tra gli altri possibili sostituti di Goulard, l'ex ministra dell'Ambiente Ségolène Royal e l'ex negoziatrice della Conferenza sul clima di Parigi (Cop21) Laurence Tubiana. Le Figaro cita anche profili "meno politici", come l'ex commissario generale di France Stratégie, Jean-Pisani-Ferry, e il consigliere speciale della Commissione europea incaricato del mercato interno digitale, Guillaume Klossa. Oltre che l'attuale capo negoziatore per la Brexit Michel Barnier personalità rispettatissima all'Eliseo, ma che alle elezioni scorse europee si schierò con i Républicains. 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."