Migranti: Sassoli esorta Consiglio a discutere Dublino

'Riforma messa nel cassetto, voce Parlamento Ue sia rispettata'

Redazione ANSA

STRASBURGO - "Io credo che la voce del parlamento e le decisioni del parlamento specie quando sono a grande maggioranza debbano essere rispettate di più e su Dublino il Parlamento è stato chiaro, indicando delle linee di riforma che possono consentire all'Europa di avere strumenti per intervenire". Così il presidente del Parlamento europeo David Sassoli. "Questa riforma è stata adottata il 16 dicembre del 2017 ed è stata messa in un cassetto non tenendo in considerazione la decisione del parlamento e penso che sia arrivato il momento per farlo e invito il consiglio a farlo".

"Ieri c'è stato un voto a maggioranza e penso che il voto sia stato legato alle indicazione che von der Leyen ha dato. Su quelle indicazioni ha ottenuto una maggioranza", ha poi commentato il presidente del Parlamento europe. "Siamo all'inizio di un processo, a settembre saranno proposti i commissari e nel frattempo ci sarà la messa a punto di un programma sul quale von der Leyen ha detto con molta chiarezza che intende scommetterci con i commissari che formeranno il suo collegio. La democrazia funziona così", ha aggiunto.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."