Migranti: Moavero, 'Europa non può essere così latitante'

Un errore la mancata riforma dell'Ue. Ministro a seconda giornata State of the Union

Redazione ANSA

FIRENZE - L'Europa "non può essere così latitante" sulle politiche migratorie e non può lasciare alla geografia o alle scelte dei trafficanti di esseri umani la maggior parte degli arrivi o degli oneri per sostenere questo ad alcuni Paesi". Una grande politica delle migrazioni "va immediatamente varata" su impulso del parlamento. Lo ha detto il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi nel suo intervento alla seconda giornata di State of the Union. Occorre, ha spiegato il ministro, "agire in Paesi di origine e transito, aiutare i Paesi da cui partono i migranti con un grande piano per l'Africa, condividere gli oneri legati all' eventuale concessione del diritto di asilo".

"Il mondo cambia intorno all'Europa, le necessità dei cittadini cambiano, di qui l'obbligo dell'Ue di tenersi al passo coi tempi, di riformarsi" e questo "andava fatto già alcuni anni fa, all'indomani del cambio geopolitico sconvolgente" della fine degli anni '80 e dei primi anni '90, ha xontinuato Moavero Milanesi. La mancata riforma "è stata un errore". Il nuovo parlamento che uscirà dalle elezioni del 26 maggio "potrebbe contribuire a riforme significative" che possono essere realizzate "senza la riforma dei trattati" anche attraverso un accordo interistituzionale tra Parlamento e Commissione.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."