Commissaria Gabriel, elezioni Ue saranno test su lotta fake news

Disinformazione 'minaccia fiducia tra cittadini e istituzioni'

Redazione ANSA

ROMA - Le elezioni europee "saranno un test per le nostre capacità di mostrare che abbiamo agito contro la disinformazione", che "è al servizio di alcuni interessi, non solamente contro l'Unione europea. L'impatto peggiore della disinformazione è quello sulla fiducia tra cittadini e istituzioni". Lo ha dichiarato all'ANSA la commissaria europea per la società e l'economia digitali Marija Gabriel a margine dell'inaugurazione dell'anno accademico 2018-2019 della Scuola di Giornalismo dell'Università Luiss a Roma. "Le fake news sono efficaci perché hanno un impatto sulle emozioni", ha sottolineato Gabriel.

Il primo esempio "è la salute con la questione dei vaccini, poi la questione del clima e infine le migrazioni. Alcune persone cercano di strumentalizzare queste emozioni e questi temi, ma sta a noi, giornalisti, cittadini e istituzioni, dare maggiore visibilità ai fatti e all'informazione di qualità". Un anno e mezzo fa "abbiamo sottolineato la necessità di essere attivi a più livelli contemporaneamente" contro la disinformazione, e ora, con le elezioni europee, "non basta fare dichiarazioni, dobbiamo vedere i risultati che riguardano contenuti politici, contenuti sponsorizzati, account fake". Ciò che dobbiamo fare è "dare maggiore visibilità all'informazione di qualità, perché il nostro approccio è chiaro: non siamo qui per favorire la censura, ma per il rispetto della libertà di espressione e del diritto all'accesso alle informazioni. Innovazione e social media non sono in contraddizione con trasparenza e credibilità", ha sottolineato la commissaria Ue.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."